Un mini appartamento

0
95
trilocale

Un mini appartamento

Riorganizzare gli spazi per ottenere 3 stanze

trilocale

Le dimensioni dell'appartamento

L’appartamento, abitato da un single, presenta delle stanze molto piccole, la più grande misura solo 11 mq., ed una superficie netta di circa 40 mq.; si vuole ottenere una zona giorno abitabile nella quale poter creare un angolo relax in cui guardare la TV e ascoltare musica senza rinunciare ad avere una piccola camera da letto indipendente.

trilocale

In giallo le pareti demolite, in rosso le nuove

Per la progettazione dell’appartamento determinante è stata la posizione di scarichi e allacciamenti (acqua e gas) esistenti, in quanto trattandosi di un appartamento all’interno di un condominio di molti piani non è possibile crearne di nuovi.

Il bagno quindi è rimasto nella posizione esistente ma è stato leggermente allungato per renderlo più funzionale e spazioso
Anche la cucina deve essere realizzata in prossimità della parete in cui sono presenti lo scarico per il lavello, le prese acqua e l’allacciamento al gas.

Avendo l’appartamento delle stanze di piccole dimensioni, si è tenuto in particolare conto delle esigenze:

– di avere una zona soggiorno/relax collocata in un’area luminosa e sufficientemente ampia per contenere un divano a 3 posti che possa all’occorrenza essere utilizzato come letto;

– di creare una piccola cucina nella quale poter pranzare;.

– di avere una camera da letto sufficientemente grande per contenere un letto matrimoniale, senza togliere troppo spazio al soggiorno.

trilocale

L'appartamento arredato

Eliminando il muro portante tra cucina e soggiorno, lasciando solo un pilastro al centro della parete, si ottiene un soggiorno più ampio ed una piccola cucina.
Tale soluzione elimina l’ingresso, è necessario quindi realizzare un mini antibagno nel quale, per sfruttare al massimo lo spaziodi colloca il lavabo.

Il bagno risulta piccolo ma completo, la soluzione migliore è sicuramente quella di collocare la doccia nella nicchia che si viene a creare dove il muro risulta più spesso per la presenza della canna fumaria (la forma stretta del bagno non consente di posizionare la doccia dietro la porta o al centro della stanza), infatti in questo modo si ottiene una doccia grande e si ha spazio a sufficienza per disporre i sanitari in linea.

La doccia a pavimento richiede qualche accorgimento in più rispetto ad una doccia comune, è infatti necessario:

– Porre l’impermeabilizzazione, costituita da guaina in pvc, sopra al primo massetto, facendo bene attenzione a risalire i bordi delle pareti per 90 cm. e facendo aderire bene e realizzando un secondo massetto che faccia da sottofondo.

– Rivestire con piastrelle o mosaico piazzati con prodotti che sigillino le fughe e gli angoli per evitare infiltrazioni d’acqua. Le tessere di vetro o porcellanato smaltato resistono bene all’umidità.

– Dare la giusta pendenza nel primo massetto.

La doccia è rivestita in mosaico e chiusa con ante in vetro temperato con trattamento anticalcare.

La cucina, lunga e stretta, è stata ridimensionata per lasciare maggior spazio al soggiorno.

La zona relax, posta nella zona della casa in cui c’è la miglior esposizione è sufficientemente grande per contenere un divano a 3 posti che possa all’occorrenza essere utilizzato come letto.
Una piccola parete attrezzata con ripiano porta TV è stata posizionata lungo la tramezza che divide il soggiorno dalla camera.

Nella camera da letto si è deciso di demolire la parete spessa (che non era però portante) in comune con il soggiorno e di realizzare una nicchia per creare un utile armadio a muro.
La nuova stanza non ha le dimensioni di una doppia ma ha spazio sufficiente per posizionarvi un letto matrimoniale.

Lascia un Tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.