Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Sistema per il risparmio energetico: Elementare “Wattson”

La nostra casa è invasa dagli elettrodomestici? Lavatrice, televisore, lavastoviglie, computer…..

Ogni elettrodomestico accesso sviluppo consumo di energia

Ognuno di questi provoca un consumo energetico.

E allora come facciamo a tenere sotto controllo il consumo degli elettrodomestici?

L’idea arriva direttamente da un trio di designer molto astuti chiamati DIY KYOTO, attenti ai principi del Protocollo di Kyoto e ad una produzione eco – sostenibile.

L’oggetto di primo acchito sembra un orologio da tavolo, ma in realtà sarà lui a permettervi di risparmiare da 5 al 25% sulle vostre bollette elettriche.

Apparentemente Wattson può sembrare un orologio da tavolo ma in realtà valuta i nostri consumi energetici

Il piccolo Wattson è un oggetto dalle forme delicate e fini. Collegandolo in casa vi permetterà di tenere sotto controllo i consumi di energia elettrica evitando gli sprechi economici ed ambientali.

Essendo realizzato nel rispetto di tutti i principi del protocollo di Kyoto, ovviamente Wattson è totalmente riciclabile.

Inoltre, il suo funzionamento a bassa potenza, estende di molto la vita della batteria ricaricabile che consente di visualizzare il display.

Intelligenza soprannaturale

Wattson è “molto intelligente” in quanto riesce a ricordare i dati del consumo energetico, emesso dai nostri elettrodomestici, per 28 giorni.

E ovviamente come ogni Wattson che si rispetti, i dati vengono trasferiti al software (la mente) Holmes, che permette di accedere attraverso il proprio pc ogni giorno, ogni settimana e ogni mese a grafici e tabelle esplicative che descrivono e spiegano i consumi energetici che la vostra casa produce.

Il display posto nella parte frontale è retro illuminato e di semplice lettura; vi consente, in qualunque momento della giornata di controllare l’utilizzo di energia elettrica e di convertirlo in watt o in euro.

Wattson è portatile e wireless, in questo modo sarà possibile collocarlo in qualunque angolo della casa.

Oltre alla lettura tabellare gestita dal software Holmes è possibile verificare l’andamento giornaliero del consumo energetico, attraverso il cambiamento di colore dell’oggetto.

E’ come se Wattson cambiasse colore a seconda del suo umore ; se il colore è blu significa che si sta’ usando meno energia rispetto la media, se invece, è rosso questo significa che l’energia consumata è ben al di sopra del consumo medio; quando invece il dispaly ha un colore violaceo il consumo energetico è nella media relativa la famiglia in cui si trova.

Ovviamente anche Wattson ha un consumo elettrico, ma questo è di circa 5 watt, e in modalità di bassa potenza arriva a consumare meno di 1 watt. Praticamente a costo zero.

La retroilluminazione consente di sapere immediatamente se si ha un consumo ragionevole o spropositato

Dopo aver descritto l’oggetto di per sé cerchiamo di capire come fare a farlo funzionare nella nostra casa.

Installazione e utilizzo

Quando decidiamo di acquistare Wattson, oltre a lui, troviamo anche Holmes.

E’ necessario installare sul nostro computer il software in modo tale da poter osservare più dettagliatamente e con uno storico, i nostri consumi e le nostre spese.

Quando abbiamo delle informazioni catturate dall’oggetto, dobbiamo collegarlo via USB al computer e aprendo Holmes, possiamo convertire l’energia media consumata in spesa, verificando i giorni in cui abbiamo consumato in maniera spropositata e quelli in cui siamo stati più accorti.

Lentamente riusciremo a capire dove possiamo risparmiare e in cosa siamo soliti sprecare. Con pochi click un risparmio notevole nella bolletta.

La novità assoluta è che una comunità on-line consente di avere un confronto continuo permettendo di generare discussioni utili per trovare risposte in merito al risparmio casalingo.

Wattson può essere posizionato ovunque, l’importante è che quando lo installiamo per la prima volta, il clip del sensore dato in dotazione, venga collegato al contatore di energia generale.

E' necessario attaccare il sensore in modo da collegarlo al nostro impianto elettrico

Se il contatore generale è lontano dalla vostra scatola dei fusibili (condizione usuale se si abita in un condominio), è necessario collegare il clip nel punto in cui il cavo elettrico entra nella scatola dei fusibili, in modo che il trasmettitore sia il più vicino possibile.

Il trasmettitore può andare sul muro vicino alla scatola dei fusibili o su uno scaffale posto nelle vicinanze. Se è possibile non mettere il trasmettitore all’esterno o se si decide di fargli affrontare le intemperie, è meglio isolarlo avvolgendolo in un sacchetto di plastica.

Il trasmettitore deve essere preferibilmente posizionato vicino alla scatola dei fusibili

A questo punto l’unica cosa che rimane da fare è provarlo, accenderlo e diventare consapevoli dei propri consumi.

Solo la consapevolezza porta al risparmio e quando c’è un amico come Wattson ed un compagno come Holmes, la consapevolezza è utile e l’estetica è garantita.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Colori per la casa:come il Feng Shui porta in casa la forza della natura
Quanti han già sentito parlare di Feng Shui? Diciamo subito che si tratta di una antica arte geomantica. Cosa vuol dire? Accomodatevi. La geomanzia...
Idee per San Valentino per creare la giusta atmosfera in casa
Si sta avvicinando la festa degli innamorati, San Valentino, quindi in questo articolo vi forniremo alcune idee romantiche per San Valentino, per arre...
Posate di design per una tavola nuova e originale
Stufi delle solite posate? Se cercate qualcosa di nuovo e di originale per dare un’aria nuova alla vostra tavola e alle vostre pietanze ecco una serie...
SOUND e DESIGN: in un solo diffusore acustico cura della forma e del suono
Si può disegnare il suono? Se lo sono chiesti un paio di progettisti e pare ci siano riusciti. Un designer comasco, Ubaldo Samuelli, ed un ingegn...
Piccoli elettrodomestici e accessori da cucina geniali e di design
Si sa settembre è tempo di cambiamenti, si torna dalle vacanza con tanti buoni propositi, e complice l’arrivo dell’autunno si comincia a fare spazio i...
Capire il design del XX secolo con un po' di storia del design
Design e vita quotidiana: si tratta di una sinergia che da sempre ha attraversato la storia, intrecciando il design con vari fili, a volte catene, all...
Regali di Natale per bambini: i giochi di una volta
Regali, regali e ancora regali. In questi giorni che precedono le feste, siamo tutti indaffarati nella ricerca del regalo perfetto, il giusto connu...
Design di coppia
“Ah, l'amore!”. Eh sì, anche se San Valentino è lontano oggi ho deciso di soffermarmi sul design di coppia. Si tratta di accessori e complementi pe...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *