Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Sergio Pininfarina: scompare un genio dell’auto

All’età di 85 anni scompare uno dei massimi rappresentanti per quanto riguarda il made in Italy. Sergio Pininfarina, presidente del gruppo Pininfarina, è noto in tutto il mondo ed è uno dei punti fermi più conosciuti del design del nostro paese.

La storia dell’auto italiana

Il nome Pininfarina è strettamente legato all’evoluzione dell’auto nel nostro paese. Si tratta di una delle aziende che ha fatto storia, diventando – già a partire dagli anni cinquanta, simbolo indiscusso di eleganza e di design per tutto quello che riguarda la carrozzeria.

 

Sergio Pininfarina si è spento a Torino all’età di 85 anni, era il figlio di Battista Farina detto “Pinin”, fondatore della celebre ditta di carrozzerie.

Una vita dedicata al design

Sergio Pininfarina si laurea in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Torino nel 1950, da subito prende parte alle attività delle industrie di famiglia: la nota Carrozzeria Pininfarina.

Pininfarina

Pininfarina

E’ proprio a partire degli anni ’50 che l’industria paterna vede l’inizio del suo successo grazie alle forme delle carrozzerie sempre all’avanguardia.

A partire dagli anni ’60 le carrozzerie non sono più solo estetica, inizia infatti un profondo e importantissimo studio di aerodinamica che porta inevitabilmente l’industria verso il settore delle macchine sportive. Ed è proprio in questo periodo che inizia l’importante collaborazione con la Ferrari.

Una vita di cariche importanti

Nel 1966 Sergio Pininfarina assume la carica di direttore generale nelle aziende di famiglia, ma questo è solo uno dei suoi molti incarichi. Dal 1974 al 1977 insegna al Politecnico di Torino, la sua materia è chiaramente Progettazione di carrozzerie. Riveste inoltre l’importante compito di presidente dell’Unione Industriale dal 1978 fino al 1984, inoltre tra il 1988 e il 1992 riveste anche la carica di Presidente di Confindustria, amministratore della Ferrari e consigliere di amministrazione della Pininfarina Extra.

Nel 2005 l’ex presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi nomina Sergio Pininfarina senatore a vita.

I riconoscimenti internazionali

La carriera di Sergio Pininfarina è costellata di successi professionali, ma non mancano neanche le importanti onorificenze sia nazionali che internazionali.

Pininfarina - la storia del design dell'auto italiana

Pininfarina – la storia del design dell’auto italiana

I primi riconoscimenti arrivano nel 1972, quando riceve l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro e la nomina di Chevalier de la Légion d’Honneur. Nel 1983 è la Royal Society of Arts di Londra a nominarlo Royal Designer for Industry.

Nel 1991 è il primo designer italiano a ricevere, a Detroit il Lifetine Achievement Award grazie al “contributo dato all’evoluzione dello stile automobilistico”.

I titoli guadagnati in Italia non mancano: nel 1995 riceve il celebre Compasso d’Oro alla carriera e la laurea ad honorem presso il Politecnico di Milano.

La crescita dell’azienda

Non solo premi ed onorificenze per Sergio Pininfarina. Sono molti anche i provvedimenti innovativi presi all’interno dell’azienda. Per esempio tra il 1955 e il 1958 si costruì uno stabilimento a Grugliasco, in provincia di Torino; nel 1966 prese il via il Centro di Studi e Ricerche, nel 1982 vede la luce la Fondazione Pininfarina Studi e Ricerche e la nuova sede a San Giorgio Canavese (sempre in provincia di Torino). Nel 1986 l’industria viene quotata in borsa, e lo stesso anno nasce anche la fondazione Pininfarina extra. Nel 1991 nasce Pininfarina Deutschland GmbH e l’azienda varca i confini europei.

Naturalmente sarebbe infinito l’elenco di successi targati Pininfarina. Ci ha lasciati un maestro del nostro tempo, non solo un designer ma un uomo che ha dato voce, e forma, ad una delle più importanti eccellenze del nostro paese, un simbolo e un modello per molti italiani, e non. Non si tratta di un semplice “carrozziere” come è stato definito in un telegiornale nazionale il giorno della sua scomparsa. Si tratta di un grande uomo che ha contribuito, con il suo nome e con il suo lavoro, a fare grande l’Italia, un uomo che deve essere ricordato con rispetto e ammirazione.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Letto multimediale, il design tecnologico a servizio della comodità
Per gli amanti del relax che non vogliono rinunciare al lusso, sarà sicuramente difficile resistere alla versione multimediale del letto matrimoniale!...
Le porte interne: varchi significativi e funzionali
Anche la porta diventa un segno architettonico importante che caratterizza l’abitazione. Alcuni consigli pratici su come sceglierle e sulla messa in o...
Portacoltelli e Set di Coltelli di design: un nuovo taglio alla cucina
I coltelli Oggi ci occupiamo di un elemento essenziale della nostra cucina, presente sin dagli albori della civiltà perché fondamentale per procurars...
REGALI di NATALE per la cucina
E per rimanere sempre in tema di regali di Natale, anche la cucina ha a disposizione una serie di accessori originali e divertenti capaci di diventare...
Mobili di design: nuove e vecchie proposte reinterpretate
Se siamo alle prese con la scelta dell’arredamento della nostra casa, può essere utile una breve carrellata sulle ultime novità in materia di mobili d...
Cuscini d'arredo che passione!
Morbidi, soffici, invitanti, piccoli e grandi, penso che non esista nessuno che dica di odiare i cuscini. I cuscini vengono sfruttati in tutta ...
Per tè, caffè o cioccolata: ecco le originali tazze per le bevande calde
Con l’arrivo dell’autunno torna la voglia si rilassarsi con dolci bevande calde, tè, latte, cioccolata, tisane, qualsiasi tra queste può allietare i n...
Complementi d’arredo di design che si trasformano
Tutti quelli che amano i complementi d’arredo di design, da quelli di una certa dimensione come divani e tavoli, fino agli accessori per la cucina e i...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *