Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Risparmio energetico in casa: L’energia elettrica

Piccoli consigli per risparmiare energia elettrica

Ogni volta che entriamo in casa e iniziamo ad utilizzare gli elettrodomestici, accendiamo la luce, guardiamo la tv e quant’altro, per farli funzionare sprechiamo energia che provoca l’emissione di gas che generano il famigerato Effetto Serra.

risparmiare energia

Il buco dell'ozono

Tutto questo spreco dovuto alla tecnologia porta, come ormai tutti sappiamo, ad una variazione degli equilibri climatici nel nostro pianeta.

E’ anche vero che l’uomo ormai senza le comodità tecnologiche non sarebbe più in grado di vivere; ed è per questo che è diventato necessario da parte di tutte le persone utilizzare qualche piccolo accorgimento che consenta di generare uno sfruttamento adeguato dell’energia senza portare allo spreco.

Inoltre, questi piccoli consigli permetteranno di conseguire anche un risparmio di tipo economico che, di questi tempi, non guasta mai!

Forse non tutti lo sanno ma in un anno gli italiani consumano ben 18 miliardi di kwh, emettendo 13 miliardi di kg di anidride carbonica nell’aria; un consumo eccessivo facilmente migliorabile se tutti correggessero le proprie abitudini sbagliate.

Per esempio ogni qualvolta spegniamo lo stereo o il televisore con il telecomando il nostro apparecchio in realtà non è del tutto spento, è come se fosse in pausa, in attesa di essere riacceso; quindi genera per tutto l’arco della giornata emissioni di anidride carbonica nell’aria.

E’ quindi, consigliabile, anche per un minimo risparmio di denaro, ricordarsi di spegnere gli impianti, come dvd e televisore, dallo start presente sull’apparecchio. In questo modo la corrente non passa più e risulta totalmente spento.

Se l’elettrodomestico non dovesse avere l’interruttore meccanico l’unico modo per non generare emissioni di energia, è quello di staccare la spina.

Inoltre è d’obbligo, per un adeguato risparmio energetico in casa, ricordarsi di spegnere sempre il proprio computer portatile senza lasciarlo in Stand-by staccando anche la presa di ricarica.

Meglio anche spegnere con il tasto meccanico la stampante, i driver esterni, insomma, ogni oggetto di uso quotidiano, che se non utilizzato, e non adeguatamente staccato, genera energia, quindi perdita di denaro, spreco e di conseguenza inquinamento.

risparmio energetico casa

ricordarsi sempre che l'energia elettrica genera emissioni di anidride carbonica (CO2)

Scegliere le lampadine giuste

Inoltre bisogna ricordarsi sempre di scegliere le lampadine giuste per l’illuminazione di casa.

Negli ultimi anni le grandi catene e i comuni italiani si sono impegnati nella divulgazione del giusto acquisto delle lampadine per la produzione di energia elettrica domestica.

Fino a pochi anni fa, e forse presenti ancora in molte case, la maggior parte degli apparecchi illuminanti erano ad incandescenza, cioè la classica lampadina con il filetto all’interno che, scaldato diventa incandescente generando la luce.

Queste lampadine consumano molta corrente e non hanno neanche una grande durabilità.

Le lampadine che bisogna acquistare e che ormai si trovano ovunque, sono quelle a basso consumo energetico: sono sicuramente più costose ma hanno il pregio di essere più longeve e di consumare molta meno energia elettrica illuminando in egual misura.

lampadina basso consumo per risparmio energetico

lamapadina a basso consumo energetico

Grazie a questa semplice soluzione si avranno lampadine durevoli e che ci faranno risparmiare sulla bolletta elettrica e, non di meno importanza, consentiranno di evitare l’emissione di 80-90 kg di anidride carbonica l’anno.

Scegliere gli elettrodomestici giusti

Inoltre è ormai una buona abitudine quella di acquistare elettrodomestici di classe A e A++ che ci fanno risparmiare e inquinano poco l’ambiente in cui viviamo.

L’architettura sta’ cercando di realizzare case che consumino 10 kwh annui di energia, molto lontano dal dato descritto nelle prime righe.

Se pensate che 1 kwh di energia elettrica corrisponde all’emissione di 0,72 kg di anidride carbonica, è facile capire perchè  i professionisti si stiano impegnando nella realizzazione di case ambientalmente sostenibili.

E’ quindi giusto che da parte di tutti ci sia un impegno costante e consapevole perchè non si può più pensare solo a costruire il mondo, adesso è diventato importante curarlo!

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Idee per arredare la cameretta: arredi ecologici in cartone
Gli arredi ecologici ormai sono di moda, fanno bene all’ambiente e spesso anche alle nostre tasche, perché allora non arredarci anche la cameretta dei...
Il tappeto Orientale
Riconoscere un tappeto orientale La continua ricerca tecnologica e la ricerca di design innovativo portano all'eliminazione di particolari superflui ...
La sauna finlandese e la variante moderna ad infrarossi
Origini della sauna finlandese La parola “sauna” ci fa immediatamente pensare ad un  momento di  salutare relax , in realtà il termine, di origini ...
PORTAmivia, uno dei progettio premiati a "La casa del III millennio"
La Casa del III Millennio è un concorso indetto e promosso dal CNA di Prato in collaborazione con il CNA di Arezzo. Per la quarta edizione consecutiva...
Arredamento hi-tech per una casa tecnologica
La casa si trasforma, le abitazioni evolvono, le necessitò cambiano e ovviamente con lei, cambiano anche i gusti. Con l'avanzamento tecnologico si ...
Il viola: un colore per la casa dall'arredamento alle pareti
In realtà è già da un annetto che il viola, soprattutto nella sfumatura del lilla, è diventato molto cool nell'ambito dell'arredo, soprattutto per qua...
Pentole e padelle eco-sostenibili per una cucina sana
La buona salute nasce da una maggiore attenzione agli alimenti  che ingeriamo ma anche dal modo in cui vengono preparati. L’uso della terracotta, d...
Ristorante nel Marais a Parigi e ristorante milanese come a casa
Come molti settori anche quello della ristorazione segue l’onda di ciò che è più in voga al momento. Attualmente l’ultimo trend del settore è quello d...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *