Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Il museo del riciclo: quando i rifiuti trovano una nuova vita

Si sente parlare sempre più spesso, e con più insistenza, di eco sostenibilità. Il problema rifiuti affligge ogni parte del mondo ma in particolare le aree soggette a maggior benessere.

Da poco tempo esiste uno spazio, virtuale, dove gli artisti possono dare una seconda vita ai prodotti di scarto rendendo pubbliche le loro opere. La sfida è davvero interessante e i pezzi di design che si ottengono lasciano spesso senza parole.

Cos’è il Museo del Riciclo

Il Museo del Riciclo è organizzato in uno spazio virtuale promosso dal consorzio Ecolight. Non è niente di diverso da una galleria digitale, nella quale si possono visionare le opere ed entrare in contatto con gli artisti che si sono occupati della realizzazione.

Il museo del riciclo

Il museo del riciclo

Si tratta di un’idea nata in favore di ecologia e ambiente in pieno accordo con quanto promosso da Ecolight a partire dal 2004. Il consorzio si occupa infatti di gestire i rifiuti prodotti dalle apparecchiature elettriche ed è organizzata in più di 1.100 consorzi e aziende che hanno definito il rispetto dell’ambiente come loro mission principale.

Ma la volontà di creare un Museo del Riciclo nasce soprattutto dalla necessità di migliorare il prima possibile le condizioni ecologiche della Terra, cercando soprattutto di sensibilizzare la popolazione ad un maggior rispetto del nostro pianeta. Iniziative di questo tipo cercano anche di “educare” ad uno stile di vita più sostenibile.

Una delle peculiarità di questo spazio virtuale è senza dubbio la continua evoluzione. Gli artisti presenti, oltre a dare visibilità alle propria arte nata da oggetti di scarto, sono delle vere e proprie testimonianze di come sia possibile dal vita ad oggetti pronti per essere eliminati, sono lì per insegnare che è possibile dare un nuovo ciclo vitale praticamente a tutto.

E intendiamo proprio tutto. La creatività di questi artisti spazia infatti in ogni campo: si possono trovare sculture, quadri, mobili, vestiti, strumenti musicali: tutto rinasce e si trasforma in qualcos’altro. Nulla va più sprecato.

Il tema del riciclo entra in casa

Ecolight

Design Arte Architettura Moda Musica

Basta un sito internet e una galleria fotografica per far si che temi importanti come l’ecosostenibilità e il riciclo entrino a casa nostra. Si tratta di una realtà piuttosto nuova, difficilmente presa in considerazione dalla maggior parte di noi, quando in fondo basterebbe osservare tutto da un’angolazione nuova e meno convenzionale.

L’elemento più importante inoltre consiste in una sorta di “sdoganamento” del rifiuto: non si tratta di qualcosa di esteticamente brutto e ormai inutilizzabile, può diventare invece qualcosa di unico e di design.

Un’importante testimonianza che non solo fa bene al pianeta, ma anche al portafoglio: realizzare oggetti di questo tipo è senza dubbio molto economico.

Il portale internet è molto semplice e comprensibile, organizzato in differenti sezioni: arte, architettura, moda, design e infine musica. L’idea di realizzare un sito internet nasce dalla volontà di rendere questo spazio aperto a tutti, una sorta di vetrina facile ed intuitiva anche per chi si avvicina per la prima volta al mondo del riciclo.

Creatori e consumatori si trovano insieme nello stesso luogo, creano rapporti ed interscambi. Inoltre il sito è un vero e proprio database dove è possibile cogliere le testimonianze di chiunque decida di applicarsi nella tecnica del riuso. Possiamo trovare tastiere di computer che magicamente si trasformano in borse, o scope che diventano una chitarra elettrica, basta un rapido giro per trovare tutto quello che difficilmente si riesce solo ad immaginare.

Il museo del riciclo e il Natale

Durante il periodo natalizio il museo del riciclo dedica parte del suo sito ad opere con tema natalizio.

Riciclo e Moda

Riciclo e Moda

Per esempio segnaliamo presepi riciclati in mostra a Napoli: si tratta di opere realizzate con lattine, bottiglie, imballaggi e scatole di cartone.

Oppure il comune di Corchiano, vicino Viterbo, presenta una serie di alberi di Natale realizzati anche in questo caso con materiale riciclato, la cittadina inoltre si è aggiudicata nel corso del 2011 il “Premio città per il Verde”.

Il Museo del Riciclo è consultabile a questo indirizzo: www.museodelriciclo.it.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Creare un giardino in casa con vasi personalizzati
IL VASO E’ MIO E ME LO FACCIO IO appunti per crearsi un giardino in casa a propria immagineIl luogo della pace, dello spirito. Dove la natura s...
Suoni e rumori in casa, due diversi aspetti di un solo carattere
In casa siamo circondati da suoni e rumori che ci accompagnano nella vita quotidiana. Nell'articolo viene proposto qualche suggerimento per difendersi...
Ecolampade Led: moderni sistemi di illuminazione e di design
Abbiamo potuto constatare più volte come i LED possano offrire innumerevoli vantaggi in campo di illuminazione, sia si tratti di ambienti interni che ...
Dipingere le piastrelle del bagno o della cucina per rinnovare gli ambienti
Come dipingere le piastrelle di rivestimento Come abbiamo spesso visto, a volte sono sufficienti dei piccoli accorgimenti o delle leggere modifiche...
Arredare una casa piccola da 40 a 60 mq: open space, cucina, salotto e bagno
Parliamo di case piccole. Appartamenti che ormai fanno parte della nostra vita. La maggior parte dei giovani, le nuove coppie e le persone single, ...
Condizionatori e Climatizzatori di design
Arriva il caldo e come sempre a molti viene voglia di acquistare un condizionatore o di un climatizzatore per rinfrescare gli ambienti dalle torride e...
Grandi e piccoli elettrodomestici per una cucina in Total Black
Se volete una cucina very strong o semplicemente amate vestire la vostra casa in modo aggressivo e sempre alla moda, quest'anno vi potrete veramente s...
Note di colore in casa
Colore, colore e ancora colore! Gli spazi e gli ambienti della casa grazie alla presenza di colori contrastanti, vivaci e allegri, si accendono e i...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *