Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Elettrodomestici ecologici e super tecnologici

Ormai sappiamo quanto il risparmio energetico sia diventato fondamentale sia per il bene del pianeta sia per le nostre tasche, messe sempre più a dura prova dalla crisi. Per questi motivi, di natura ecologica e di natura economica, le aziende e i designer stanno cercando continuamente soluzioni innovative per gli elettrodomestici che usiamo quotidianamente: lavatrice, lavastoviglie, aspirapolvere, frigorifero, forno.

Ecco una serie di nuove proposte che possiamo scegliere per le nostre attività quotidiane, idee nuove e che ci faranno risparmiare notevolmente rispetto ai nostri vecchi elettrodomestici.

Un cestino per i rifiuti organici nano tecnologico

cestino nano ecologico

Un cestino che rallenta la decomposizione dei rifiuti

Ormai in tutte le città c’è la raccolta differenziata, questo vuol dire avere in casa diversi cestini, uno per ogni tipo diverso di spazzatura, dalla plastica, al vetro, alla carta, fino all’umido.

Proprio quest’ultimo cestino, quello per i rifiuti organici è quello che di solito ci dà più problemi, soprattutto per i cattivi odori che si formano e che ci costringono a cambiare spesso il sacchetto.

Una soluzione a questo inconveniente può essere l’utilizzo del cestino della spazzatura ideato dal designer Andrea Putaggio che grazie alle nanotecnologie riesce a rallentare il processo di decomposizione dei rifiuti, diminuendo notevolmente la formazione di cattivi odori.

Se aggiungiamo il fatto che il cestino ha un design molto moderno e accattivante, non avremo più scuse per non utilizzarlo.

Un aspirapolvere che salva gli oceani

aspirapolvere eco

L'aspirapolvere “Vac from the sea”

Si sa che la plastica è uno dei rifiuti che produciamo in maniera più consistente, ormai siamo sommersi da rifiuti di plastica tanto da trovarne in grande quantità anche nei mari, negli oceani, con gravi danni per l’ecosistema del mondo marino.

Uno dei modi per fare concretamente qualcosa per l’ambiente è quello di fare la raccolta differenziata, raccogliere tutti gli oggetti di plastica che può essere in questo modo recuperata e riutilizzata per nuovi prodotti.

Oltre a questo, c’è chi si occupa di recuperare i rifiuti sparsi in giro nell’ambiente, sulle spiagge, nei boschi, nei mari, associazioni ambientaliste composte da volontari che danno un grosso contributo nel ripulire i nostri luoghi.

Proprio una di queste associazioni Surfrider Foundation Europe, ha partecipato ad un progetto promosso da Electrolux per recuperare rifiuti di plastica presenti in diversi mari tra cui il Mediterraneo, Mar Baltico, Mare del Nord, Oceano Indiano e Pacifico.

Questi rifiuti sono stati poi utilizzati per la produzione di alcuni elettrodomestici, cinque tipologie di aspirapolveri “Vac from the sea” realizzati al 70% con plastica riciclata ottenuta dalla pulizia di spiagge, fondali marini e superfici oceaniche.

Un’iniziativa molto importante, che contribuisce a ripulire l’ambiente e a recuperare molto materiale destinato altrimenti a rimanere inutilizzato.

Un frigorifero super tecnologico

frigorifero tecnologico

Il frigorifero “Food Symphony”

Stufi del solito vecchio frigorifero?

Ecco in arrivo una novità prodotta dalla Electrolux, un frigorifero dal design innovativo, che offre una nuova visione di questo elettrodomestico e dell’organizzazione dei cibi.

“Food Symphony” assomiglia a una specie di catalogatore di documenti, dove ogni scomparto è dedicato ad una tipologia di cibo specifica.

Ogni cassetto è un’unità a sé stante con un dispaly touch – screen grazie al quale impostare la temperatura scegliendo tra una delle cinque temperature pre impostate: congelatore, carni, verdure, frutta o spento.

Ogni oggetto trova il suo posto, ci sono diverse combinazioni possibili, diversi scomparti con grandezze differenti, le bottiglie verranno collocate nello scomparto superiore e cereali nelle tasche laterali.

La grande novità inoltre è il sensore batteri, grazie al quale saremo subito informati della eventuale presenza di batteri nocivi all’interno del frigo, di cibi guasti o scaduti grazie alla lettura del codice a barre presente sugli alimenti.

Un frigorifero davvero all’avanguardia, i vetri opachi si schiariranno quando avvertiranno la presenza di qualcuno, in modo da poter osservare i cibi dall’esterno senza bisogno di aprire lo sportello, risparmiando energia e perdita di freddo. Un vero gioiello tecnologico.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Arredamento in cartone
Arredi di Cartone Ecologici e decisamente di buon gusto, stanno popolando sempre più le fiere e gli appuntamenti internazionali di design. Sedie, ...
Bat box, la soluzione ecologica e decorativa per pipistrelli contro le zanzare
Ospita una famiglia di pipistrelli antizanzare Una bat box consiste in una piccola costruzione, generalmente realizzata in legno, pensata per contene...
L'arte del recupero nell'interior design
Recuperare i differenti materiali utilizzati nella vita quotidiana può rappresentare una divertente soluzione per limitare gli sprechi, dimostrando un...
Docce ecologiche per esterni: energia solare per riscaldare l'acqua
Doccia solare Una doccia che garantisce acqua calda (scaldata dall’energia solare) può trasformarsi in un piacevole ed ecologico momento di il relax ...
La sostituzione di serramenti e vetri per un maggior efficienza energetica
Gli eco-incentivi statali sono stati prorogati per tutto il 2011, quindi può essere interessante pensare di ristrutturare la propria abitazione. ...
PORTAmivia, uno dei progettio premiati a "La casa del III millennio"
La Casa del III Millennio è un concorso indetto e promosso dal CNA di Prato in collaborazione con il CNA di Arezzo. Per la quarta edizione consecutiva...
Stile e tradizione orientale: il Wabi Sabi nuove tendenze dall'oriente
Tra le varie tendenze presenti attualmente, sicuramente di rilievo e molto interessante possiamo segnalare la Wabi Sabi, direttamente dall'oriente...
La raccolta differenziata HI TECH: FOODO
Il pianeta ha bisogno di noi, e come ormai tutti sanno, è dal piccolo che si parte per salvare l'ecosistema. Il problema più grosso è il fatto che ...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *