Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Dipingere il legno per rendere attuali vecchi elementi d’arredo

Per decorare o cambiare il colore ad oggetti e complementi d’arredo in legno, come sedie, ante di armadi, bauli ecc. ecc., si può scegliere di utilizzare vernici, oppure lo smalto.

Nel primo caso, optando per l’uso di vernici, la superficie di partenza deve risultare di buono stato; in caso contrario, sarebbe necessario agire sulle parti ammalorate con l’ausilio di stucco e le parti stuccate, una volta verniciate, risulterebbero molto evidenti, rischiando di ottenere un risultato finale mediocre.

L'ampia varietà di colori disponibili sul mercato potrà accontentare tutti coloro che decideranno di donare un nuovo aspetto a mobili e suppellettili domestiche in legno.

L'ampia varietà di colori disponibili sul mercato potrà accontentare tutti coloro che decideranno di donare un nuovo aspetto a mobili e suppellettili domestiche in legno.

In caso di piccoli punti da sistemare, per ottenere una base uniforme sulla quale procedere con la verniciatura, è possibile provvedere a realizzare piccole rifiniture a sistemazioni della superficie, utilizzando dello stucco, mescolato con un po’ di colore.

Come intervenire

Inizialmente, bisognerà effettuare un’accurata pulizia della superficie da trattare, lavandola con una miscela composta da acqua e soda, nelle proporzioni di 1 litro di acqua e 1 cucchiaio di soda.

Per effettuare il lavaggio utilizzando una spugna.

Al termine dell’operazione, asciugare bene la parte trattata, carteggiarla e asportare successivamente la polvere dovuta all’abrasione eseguita.

Dipingere con la vernice

A questo punto, se si volesse ottenere una superficie uniformemente colorata, sarà sufficiente passare una mano di vernice per concludere il rinnovamento dell’oggetto!

Per ottenere un buon risultato, quindi per far in modo che lo strato di vernice risulti ben uniforme, è consigliabile utilizzare un pennello dalle setole morbide e verniciare seguendo il senso delle venature del legno.

La scelta del pennello: setole morbide, solitamente scure, per ottenere l'effetto migliore, sempre seguendo il verso delle venature del legno!

La scelta del pennello: setole morbide, solitamente scure, per ottenere l'effetto migliore, sempre seguendo il verso delle venature del legno!

Legno grezzo e vernice

Se la base da dipingere è composta da legno grezzo e non trattato, sarà importante accertarsi che la superficie non presenti difetti, come ad esempio nodi e tracce di resina.

Qualora fossero evidenti alcuni piccoli difetti, sarà bene stuccare le imperfezioni prima di procedere a dare tre mani di vernice.

Nella prima mano, la vernice dovrà essere molto diluita, meno nella seconda e per niente la terza.

Legno verniciato e vernice

Se si ha a che fare con una superficie in legno già precedentemente verniciato, potrebbe accadere che lo strato dipinto in passato, presenti dei distaccamenti del colore, solitamente questo avviene in piccole scaglie. In questo caso, bisognerà assolutamente provvedere a rimuovere lo strato in cattive condizioni, raschiandolo via e poi, lavare l’area con acqua e soda, nelle quantità precedentemente descritte, proseguendo carteggiando e spolverando bene la parte interessata.

Dipingere con gli smalti

Scegliere di dipingere il legno con smalti non esime dal dover preparare una base che possa risultare adeguata per procedere con la colorazione voluta!

Legno grezzo e smalto

La superficie deve essere liscia e risultare compatta. Per questo motivo, se il legno è grezzo, mai dipinto, sarà fondamentale prepararlo applicandovi una pittura opaca di base.

La pittura usata per il fondo dovrà essere della stesso tipo e marca di quella scelta come smalto, da applicare come strato finale!

Legno già precedentemente dipinto e smalto

Così come visto per le vernici, anche in questo caso, se il legno da dipingere presenta già uno strato di colorazione applicato precedentemente, e le condizioni sono buone, sarà sufficiente lavare il tutto con la solita soluzione di acqua e soda, sciacquare ed asciugare con cura, passare la carta vetrata e spolverare bene il tutto.

Puri o diluiti, gli smalti consentono di ottenere ottimi risultati sulle superfici in legno

Puri o diluiti, gli smalti consentono di ottenere ottimi risultati sulle superfici in legno

Fatto ciò, sarà possibile proseguire alla colorazione con lo smalto del colore scelto.

Come visto in precedenza, anche in questo caso se le condizioni della colorazione già presente non sono buone, i passaggi da eseguire prima di dare lo smalto sono le stesse consigliate per i casi in cui si volesse procedere con la vernice: affidarsi ad uno sverniciatore di qualità che contiene sostanze adatte per la rimozione delle vernici e successivamente, avendo l’accortezza di proseguire per piccole aree, si dovrà rimuovere con l’aiuto di una spatola il residuo di colore dalla base.

Se sulla superficie da trattare sono presenti particolari incavi o modanature, sarà consigliato usare dei raschietti speciali, appositamente pensati per raggiungere gli angoli più nascosti delle aree da ripulire!

Terminata l’operazione di sverniciatura, bisogna lavare il legno con acqua e detersivo oppure con un apposito prodotto neutralizzante che si può tranquillamente acquistare dal rivenditore di vernici e smalti.

Ora finalmente si potrà dipingere il legno, solitamente dando due mani di smalto.

Andrà diluito se non appartiene alla categoria di ultima generazione, ma troverete tutte le informazioni necessarie sulla confezione!

Un piccolo consiglio: i pennelli più adatti sono quelli dotati di setole morbide che, solitamente, sono di colore scuro! Grazie a questa tipologia di pennelli infatti si riducono molto le striature sgradevoli!

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Idee d’arredo e non per risparmiare tempo nella pulizia della casa
Riordinare e pulire la casa sono attività quotidiane necessarie ma spesso noiose e che ci rubano un sacco di tempo. Con alcuni accorgimenti nell’ar...
Termo arredo: nuovi colori e forme per i termosifoni che arredano
Termo arredo L’estate ormai sta volgendo al termine, si comincia a tirare fuori dall’armadio maglie, sciarpe e ben presto si accenderanno anche...
Sgabelli smontabili e trasformabili:nuove sperimentazioni
Da sempre gli sgabelli sono stati considerati un po’come delle sedie di serie B, quei mobili che devono essere nascosti e tirati fuori solo all’oc...
Arredare in stile orientale: Zen o Feng Shui?
Lo stile d’arredo orientale non è unico e omogeneo, o più precisamente non lo è la rivisitazione occidentale. Nello stile orientale si possono leggere...
Decorare con i sassi: idee faidate semplici ma di grande effetto
Quante volte al rientro da una vacanza o da una gita fuori porta ci portiamo a casa come souvenir qualche sassolino o ciottolo di fiume? Il pro...
Decorare le pareti di casa con gli stickers murali
A volte le pareti di casa, anche se tinteggiate con un il nostro colore preferito, possono sembrare anonime o spoglie. Un’idea per dare un tocco di pe...
Poltrone di design. Criteri che aiutano nella scelta
Se affermiamo che le poltrone non sono tutte uguali per chi deve acquistarle di sicuro penserete che stiamo dicendo qualcosa di estremamente ovvio. Si...
Sedie e poltrone: stravaganze e idee originali dal mondo del design
Oggi ritorniamo nel mondo della stravaganza. Si tratta di poltrone, poltroncine e sedute che divertono, un serie di articoli in grado di stupire, a...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *