Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Arredo fai da te: Creare un puff utilizzando vecchi copertoni

Un progetto non particolarmente complesso e decisamente economico per realizzare delle simpatiche e originali sedute, ottime per interni creativi e adatte per gli spazi aperti.

Sedute utilizzabili anche in giardino e terrazza

In un’epoca dove la parola ecologia sembra finalmente entrata nel linguaggio quotidiano, scopriamo come con la fantasia e la creatività si possano realizzare un’infinità di oggetti utili e unici nella personalizzazione, riciclando materiali e facendoli rivivere in nuove forme e svolgere inaspettate funzioni: in questo caso proviamo a realizzare un puff utilizzando vecchi copertoni di automobili!

Pneumatici riutilizzabili per creare elementi di arredo

L’idea è nata qualche anno fa ad un designer latino americano, sfruttando il principio delle “Tre R”: riduzione dei consumi, riutilizzo quando non è possibile effettuare la riduzione, riciclaggio quando non è possibile ridurre o riutilizzare.

Sull’onda di questo principio, motivato da forte senso ecologico, il progettista ha dato vita ad una serie di mobili in gomma derivata da pneumatici, spaziando dalla creazione di sedute, tavoli, panche e giocattoli per bambini.

Attualmente si sta occupando della progettazione di una casa, sempre utilizzando pneumatici riciclati per le strutture e tetra Pak e tubetti di dentifricio per realizzare la copertura!

I passaggi principali da effettuare per la realizzazione di questo complemento d’arredo decisamente utile e originale vengono descritti di seguito.

Materiali e attrezzi da utilizzare per l’arredo fai da te

Per iniziare, occorrerà avere a disposizione due pneumatici, trapano, tre viti lunghe, sei rondelle di metallo, tre dadi, poliuretano espanso (1,00 m per 1,75 m), colla universale, graffettatrice, tessuto abbastanza spesso e morbido ( feltro o anche velluto sono perfetti), filo di cotone spesso, pezzo di compensato o MDF, diametro di 35 cm e spessore 1 cm, cartone tagliato in forma circolare, diametro 35,5 cm e spessore 1 cm.

Per prima cosa, si dovranno disporre i pneumatici una sopra l’altro, per procedere nel fissaggio dei due elementi, andando a creare la struttura della futura seduta che si realizzerà.

Per unire i due elementi si possono utilizzare  lunghe viti fermate da dadi che andranno dalla ruota di sotto a quella superiore, rendendo il tutto stabilmente fissato. (Realizzare dei fori con l’ausilio del trapano per poter procedere al fissaggio delle due ruote)

Rivestimento in stoffa di tutta la struttura

Fatto ciò, sarà già possibile dedicarsi alla colorazione delle ruote, scegliendo liberamente la tonalità che più si presta a seconda dello spazio che andrà ad ospitare la nuova seduta riciclata.

Le scelte possono essere infinite; si può optare per una soluzione monocromatica, staccando completamente quando si andrà a definire la tonalità o il disegno della stoffa che rivestirà la parte superiore, oppure decidere di differenziare nei colori i due copertoni, oppure ancora, decidere di decorarli con motivi e disegni.

Un’altra alternativa è data dalla scelta di rivestire completamente entrambi i copertoni con la stoffa, ottenendo un effetto finale unitario, come si può vedere nella foto che ritrae il puff arancione.

Copertoni dipinti e stoffa utilizzata solo per la finitura superiore

Passando alla seconda fase, è necessario tagliare il compensato in forma circolare (è possibile farlo tagliare direttamente al momento dell’acquisto, in quasi tutti i negozi specializzati in lavori di bricolage).

Il diametro del compensato dovrà corrispondere a quello interno del pneumatico, infatti lo si andrà a porre come finitura superiore del puff, dopo aver schiumato la superficie con il poliuretano espanso e rivestito il tutto con la stoffa scelta precedentemente, ponendo tra il poliuretano e la stoffa di rivestimento, il disco di cartone tagliato inizialmente (ciò servirà a regolarizzare la superficie schiumata, rendendola più omogenea e livellata evitando che una volta ricoperta, si possano vedere attraverso il rivestimento imperfezioni dovute alla grossolanità del poliuretano).

A questo punto, fissato il rivestimento al poliuretano e al compensato inferiormente, graffettandolo abbondantemente, non resta che ammirare la realizzazione terminata, provarne la comodità, pensare a come realizzare altri puff e magari, perché no, tavoli per esterni o tavolini bassi, utilizzando anche copertoni di dimensioni e colori differenti.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Illusioni ottiche: complementi d'arredo divertenti, funzionali e "illusori"
Arredare un ambiente, una casa intera, un ufficio o un qualunque altro luogo in cui passare del tempo, non deve essere visto come un momento complesso...
Oggetti per la cucina divertenti, pazzi o coloratissimi
Personalizzare, personalizzare e ancora personalizzare. Questa è una delle parole d'ordine da utilizzare quando si decide di arredare gli ambienti del...
Design ecologico ad energia solare per vivere green
L’aspetto ecologico dei progetti che caratterizzano la produzione degli ultimi anni è sicuramente divenuto uno dei punti cardine delle sperimentazioni...
Le LIBRERIE più originali e stravaganti per una casa sempre alla moda
Apparentemente due mondi contrapposti, la moda e la cultura. Non sempre deve essere necessario separare le due cose. Si tratta di elementi che ...
Eco Design Creativo e faidate
Il design creativo consente al privato di produrre da solo, o semplicemente acquistare, accessori ed oggetti di design particolari, capaci di personal...
Piastrelle personalizzate. Decori digitali
L'utilizzo del digitale applicato alla realizzazione di personalizzazioni sul supporto ceramico da utilizzare sia per pavimentazione che a parete. Car...
Il packaging design: elemento essenziale del prodotto
La funzione dell’imballaggio è piuttosto semplice: serve per rendere efficiente e sicuro il trasporto delle merci durante il processo di stoccaggio e ...
M’illumino di meno 2013, 15 febbraio
Venerdì 15 febbraio 2013 tornerà m’illumino di meno, giornata del risparmio energetico, lanciata nel 2005 dai microfoni di Caterpillar, il programma d...


2 Commenti di Arredo fai da te: Creare un puff utilizzando vecchi copertoni

  1. tullio

    23/09/2011 at 18:51

    Mi avete regalato molto buon umore.grazie

  2. valeria

    10/09/2013 at 10:51

    Ho visto l’idea e mi piace molto..credo proprio che mi cimenterò nella realizzazione di un grazioso pouf ecosostenibile!
    Ho solo una perplessità: come si fa a fare in modo che lo pneumatico (che non ha un cerchione a tenerlo in forma)non si pieghi quando ci si siede? devo inserire un tassello di legno o cose simili tra i due lembi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *