Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Come depurare l’aria di casa in modo naturale con l’uso delle piante

porta incenso

Come ripulire l’aria negli ambienti di casa dagli inquinanti in modo naturale con l’uso di varie piante

Tra i parametri fondamentali per fornire confort in uno spazio interno c’è sicuramente, prima di altri, quello della qualità dell’aria e della sua salubrità.

La presenza di inquinanti negli ambienti interni in concentrazione dannosa è più frequente di quanto possiamo immaginare.

Inquinanti che si presentano in forma gassosa e che spesso siamo capaci di percepire olfattivamente, ma che possono ingannare il nostro naso come nel caso degli incensi usati per profumare l’ambiente che cedono con la loro combustione fumi anche tossici.

Nel caso di cattivi odori in casa è certamente preferibile una buona aerazione che altri modi per deodorare le stanze (sempre che l’aria esterna non sia più inquinata di quella che si ha in casa).

Per eliminare queste sostanze tossiche presenti in casa cosa bisogna fare?

La risposta più semplice, senza invadere l’appartamento con particolari impianti di aerazione, sono le piante. Come quasi tutti sappiamo, la principale capacità di purificazione dell’aria da parte delle piante avviene nel processo di fotosintesi clorofilliana, dove dei piccoli fori presenti sulle foglie (detti stomi) assorbono l’anidride carbonica trattenendo il carbonio e rilasciando ossigeno. Bene, alcuni tipi di piante nel loro nutrirsi d’aria sono capaci di assorbire anche inquinanti, trattenendoli al posto nostro e migliorando la qualità dell’aria interna.

L'aloe assorbe la formaldeide

Se l’anidride carbonica, un inquinante non pericoloso che però può determinare mal di testa e riduzione di capacità critica e di giudizio, può essere assorbita da tutti i tipi di piante ci interessa sapere che altri inquinanti possono essere trattenuti solo da alcuni tipi di piante, qui di seguito vi fornisco un accenno sui più importanti.

Partiamo dalla formaldeide, un composto cancerogeno per l’uomo, è purtroppo presente in diversi mobili di casa soprattutto in quelli in truciolato, ma la possiamo trovare anche in collanti, vernici o smacchiatori.

Aerare l’ambiente soprattutto in caso di mobili nuovi e sicuramente la prima accortezza da avere, ma i tipi di piante che possono aiutarci a smaltire tale inquinante sono: il ficus benjamin, l’aloe e  la darcena compacta.

La margherita assorbe il monossido di carbonio

Possiamo poi citare il monossido di carbonio, che è incolore, insapore, inodore e non irritatante, può causare morti accidentali senza che le vittime se ne rendano conto.

Viene prodotto con la combustione di carbone, legno, olio, carburanti, perciò lo producono stufe a legna, incensi e il fumo di tabacco.

Quest’ultimo è quello che provoca più disagi, ecco perché nei luoghi pubblici è vietato, in esso infatti sono state identificate oltre duemila sostanze specifiche.

La pianta che si suggerisce per assorbire il monossido di carbonio è la margherita.

Frequente nei centri urbani, perché prodotto dai tubi di scappamento delle automobili, è il benzene. Riscontrabile anche questo nel fumo di tabacco sappiamo tutti a quali rischi sottopone l’uomo, entra nei nostri appartamenti tutte le volte che cambiamo l’aria, perciò

L'edera assorbe il benzene

un inquinante inevitabile con cui dobbiamo convivere.

Per difendersi da questa sostanza tossica esistono molte piante, tra cui vi suggerisco la darcena marginata, la spathiphyllum e l’edera.

In particolare la specie Hedera helix che assorbe per il 90% il benezene e per il rimanente la tricloroetilene.

In fine l’ultimo fiore che voglio menzionarvi perché possiate piantarlo in vaso è il crisantemo.

Questo infatti oltre ad essere molto bello è capace di assorbire la trielina e l’ammoniaca presente in alcuni detergenti che si usano per pulire le superfici di casa.

L’ammoniaca comporta irritazione delle vie respiratorie, anche nel caso in cui i prodotti ci conquistino con la dote dell’esser profumati.

Il crisantemo assorbe l'ammoniaca

Molte altre sono le piante con capacità depurative, è bene dunque ricordarsi che più piante avremo in casa e più pulita sarà l’aria che respireremo.

Per ogni inquinate va trovata la giusta pianta per assorbirlo e depurare l’aria in modo naturale.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Feng Shui e piante d’appartamento: suggerimenti per armonizzare gli spazi
Ci è già capitato di affrontare il tema dell’armonia domestica, e di quanto dei piccoli accorgimenti, come l’aggiunta di qualche elemento, possano mig...
Carta da parati moderna e di design in 3D: il tridimensionale invade anche gli spazi domestici
Il mondo della carta da parati continua a proporre soluzioni sempre più interessanti, capaci di invogliare chiunque a cedere alla tentazione di rivest...
Piani cottura a induzione o a gas? Scegli quello più adatto a te
La cucina è uno degli ambienti che maggiormente viene vissuto all'interno della casa, e anche se non si è particolarmente bravi a cucinare, è importan...
FOOD DESIGN (1° PARTE): PIATTI per un aperitivo all'ultimo grido
Uno degli aspetti più divertenti del design è la possibilità di curiosare a 360° nella vita di tutti i giorni delle persone, in modo da riuscirne a ca...
Rivestire il divano: come orientarsi tra le molte proposte
Scegliere il divano non è sempre un’operazione semplice. Esistono molti fattori che possono aiutare e indirizzare verso il modello più adatto alle pro...
Originali tappi di bottiglia per conservare il vino aperto durante le feste
Ma quanti vini, spumanti, birre e champagne avete avanzato? In ogni casa, soprattutto dopo le feste, rimangono alcune bottiglie che non sono state fin...
Interior design in stile mare
Quando arriva l'estate la voglia di mare cresce di giorno in giorno, tanto da andare a ricercare accessori e complementi d'arredo che possano richiama...
Come pulire il ferro da stiro
Il ferro da stiro è uno dei piccoli elettrodomestici presenti nella maggior parte delle nostre case. Stirare non è una delle attività più gratificanti...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *