Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Arredare con i pixel

Siamo invasi dal digitale. Tutto è digitale; i display, la televisione, le fotografie…..

Ogni immagine che vediamo è frutto di una digitalizzazione precedente o istantanea.

Il mondo è digitalizzato

Questo fenomeno ha portato alla luce un nuovo termine: IL PIXEL.

Il pixel non è altro che un singolo punto in un’immagine raster. E’ l’elemento più piccolo visibile sullo schermo, ad esempio del personal computer.

In un pixel sono presenti le informazioni (ad esempio i colori) che compongono una minuscola porzione di un’immagine.

Tutta questa operazione informatica è abbastanza complessa, ma garantisce la ricostruzione di un luogo, di uno spazio o di una scritta.

E allora perchè non prendere spunto dalla tecnologia per realizzare dei complementi d’arredo frizzanti?

PIXEL MANIA NEL DESIGN

Il design contemporaneo, come in passato, prende spunto dalla vita di tutti i giorni per realizzare la sua opera.

Complementi d'arredo realizzati secondo la nuova concezione della pixel mania

A volte però, il risultato finale, è difficile  da collocare all’interno della nostra casa.

In altri casi i designer realizzano accessori e oggetti curiosi ma di pregiato decoro per ogni ambiente in cui si decide di inserirli.

La pixel mania ha dato vita a una serie di prodotti d’arredo interessanti e molto particolari che, ripropongono la forma di questo piccolissimo puntino carico di significato.

Il pixel viene scalato fino a renderlo visibile nella sua forma; dopo viene accostato ad altri quadratini che generano, o un’immagine riconoscibile solo ad una certa distanza, oppure ad patchwork vivace e colorato.

Il fruitore cattura con lo sguardo una parte dei pixel, riproponendo nella sua mente l’immagine che riesce a elaborare. Grazie a questa soluzione è possibile avere diverse sensazione dettate da piccole illusioni ottiche.

IL LETTO DIGITALE

Letto in digitale

Alcuni esempi di questa nuova forma di design la possiamo ritrovare nel letto disegnato dal designer spagnolo Zuzunaga.

I pixel blu e bianchi riprendono i colori dell’azienda produttrice.

Gli altri accostati a quelli bianchi e blu, permettono di ottenere un oggetto fresco e curioso rispetto ad un classico letto.

STILE MADE IN ITALY

Missoni ha invese pensato di creare un pouf che riprende le classiche palette cromatiche utilizzate dalla casa di moda, riproponendole in uno stile pixel.

L’effetto è molto pittoresco, sembra ricordare l’effetto della corrente pittorica del “puntinismo”.

STOP AI PROGRAMMI

Colur Rays è , invece, un tappeto che rallegrerebbe ogni ambiente. In questo caso si tratta di rettangoli ingranditi che ricordano il segnale di stop televisivo, tanto amato dai nostalgici della bella televisione.

Simbolo di fine programmazione come fantasia per un tappeto

I PIXEL ANCHE A TAVOLA

Anche le tovaglie hanno trovato un posticino all’interno di questa invasione di pixel: la tovaglia Granfoulard” di Bassetti è realizzata in cotone americano ed è possibile averla in più svarianti cromatiche. Esprime in tutto e per tutto questa nuova tendenza artistica.

TAPPETO CON GIOCHI DI ILLUSIONE

Altro tappeto che richiama in modo molto chiaro la pixel mania è “illusion”, realizzato come se fosse una foto in bianco e nero, fa si che dal pixel venga generata un’immagine di un viso di una donna, poco riconoscibile da vicino, ma molto chiara da lontano.

Da vicino una sensazione fortemente geometrica, per poi allontanarsi e scorgere il volto di una donna

ARREDARE CON IL MOSAICO CHE VUOI

Se poi vogliamo trovare un prodotto del tutto unico, che unisce la lavorazione digitale con l’arredamento, dobbiamo rivolgerci al mosaico digitale.

Grazie a questa trovata, è possibile scegliere una qualunque immagine e trasformarla in un complemento d’arredo.

Il mosaico digitale scompone la nostra immagine in tesserine di resina di dimensioni e forma scelte, ovviamente, dall’acquirente.

A questo punto, facendo un’operazione inversa, il mosaico digitale, crea un mosaico personalizzato che potrà occupare lo spazio che più preferiamo.

Tutto genera immagine, e l’immagine è generata dalla luce che attraversa la materia.

L'immagine che vuoi riproposta ovunque vuoi

Il pixel è ciò che di visibile ci permette di comprendere questo fenomeno fisico.

La fisica e la tecnologia diventano finalmente arte a disposizione di tutti.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Colori per le pareti per la primavera estate 2012
I colori rivestono un ruolo fondamentali all'interno degli ambienti nei quali viviamo e lavoriamo. Uffici, abitazioni, luoghi pubblici necessitano di ...
"ABC...": ancora lettere per arredare casa
Ci siamo già occupati in passato del fenomeno molto diffuso, una vera e propria tendenza che non sembra arrestarsi, la diffusione di elementi e comple...
Taglieri per cucina: tutte le novità per tagliare in cucina
Tagliere da cucina Il tagliere è un oggetto che troviamo in ogni cucina, come dice il suo stesso nome, è un utensile che viene adoperato insieme ad u...
Arredi per la casa in polietilene
Se guardiamo gli oggetti che abbiamo in casa possiamo notare come la maggior parte di questi sia realizzato in polietilene, un polimero della plastica...
Idee per arredare la cameretta: arredi ecologici in cartone
Gli arredi ecologici ormai sono di moda, fanno bene all’ambiente e spesso anche alle nostre tasche, perché allora non arredarci anche la cameretta dei...
Oggetti per la cucina divertenti, pazzi o coloratissimi
Personalizzare, personalizzare e ancora personalizzare. Questa è una delle parole d'ordine da utilizzare quando si decide di arredare gli ambienti del...
Maniglie porte che passione
Non è assurdo, è un intero articolo dedicato alle maniglie. Sembrerà strano ma vi capiterà un giorno di dover scegliere la maniglia della porta e ...
Paratissima 2010 a Torino con Candy e Hoover per l'eco-sostenibilità
Candy e Hoover protagoniste a Paratissima 2010 per sensibilizzare i visitatori ad un uso consapevole dell’energia. Presenti con i Frigoriferi Candy Kr...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *