Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Agevolazioni e Incentivi 2010,per acquisto mobili cucina e elettrodomestici

Incentivi 2010 per acquisto mobili cucina ed elettrodomestici, da richiedere velocemente!

Al via i nuovi incentivi stanziati dalla finanziaria per il 2010. Una famiglia su tre potrà beneficiare degli sconti sulle cucine.

Si potrà beneficiare degli incentivi fino all’esaurimento dei fondi, questo significa che potrà goderne chi prima ne farà richiesta. La data d’inizio per richiedere le agevolazioni sarà il prossimo 6 aprile, con l’avvio ufficiale delle misure a sostegno alla produzione firmate dal governo lo scorso venerdì.

Le agevolazioni riguarderanno oltre ai mobili ed elettrodomestici anche altri settori e comprendono pure gli acquisti di ciclomotori, per tutti i settori compresi nella nuova operazione finanziaria si preannunciano numerosissime richieste; i fondi messi a disposizione dal governo ammontano a 300 milioni, si prevede che si esauriranno in tempi brevi.

Il decreto entrerà ufficialmente in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, solo in quel momento il provvedimento risulterà attuativo e verranno resi noti i tempi e le modalità per accedere ai bonus messi a disposizione a favore di coloro che acquisteranno motocicli, elettrodomestici, cucine componibili, eco case, macchine agricole, gru edili e motori fuoribordo. (vi terremo aggiornati!)

Le linee generali di come sarà possibile fare richiesta sono già note: gli interessati potranno chiedere di usufruire dello sconto direttamente al rivenditore al momento dell’acquisto del bene; il commerciante, in questa fase della vendita, potrà avvalersi della collaborazione di un centralino attivato presso le Poste, che lo informerà sulla disponibilità dei fondi al momento specifico della richiesta ricevuta.
In caso di risposta favorevole e quindi, confermata la disponibilità di fondi, applicherà l’incentivo in forma di sconto al cliente, e successivamente recupererà la somma detratta dal prezzo di vendita presso gli sportelli postali. Al call center si potranno rivolgere anche i cittadini-consumatori per ottenere tutte le informazioni del caso.

Il beneficio corrisponderà al 10% o al 20% di decurtazione del prezzo di vendita dei beni elencati nella lista di quelli beneficiari dei nuovi incentivi.

Per quanto riguarda incentivi per gli elettrodomestici (lavastoviglie, cappe, forni elettrici, stufe, ecc.) per esempio, si potrà risparmiare il 20% della spesa; il contributo potrà variare a seconda del prezzo del bene che si desidera acquistare e indicativamente, corrisponderà da un minimo di 80 euro, ad un massimo di 500 euro.

Gli incentivi si potranno richiedere per lavastoviglie

Gli incentivi si potranno richiedere per lavastoviglie

Sarà direttamente il rivenditore a praticare lo sconto e a verificarne la disponibilità, ma a differenza dell’anno scorso, non è più obbligatorio che questi acquisti siano strettamente legati a lavori di ristrutturazione della casa.(Ricordiamo che precedentemente invece, gli acquisti per i quali il consumatore poteva richiedere una percentuale di rimborso grazie ai bonus dedicati, dovevano essere correlati ai lavori di miglioria dell’immobile che li conteneva. Ristrutturazioni in termini strutturali, energetici, ecc.).

In questa nuova ondata di incentivi la novità riguarda senza dubbio l’assenza, tra i prodotti per i quali si potrà farne richiesta, di frigoriferi e lavatrici che rappresentano più della metà delle vendite e la maggior dei consumi energetici delle famiglie.

Il numero di consumatori che potranno usufruire risulta quindi variabile, a seconda delle richieste naturalmente, ma anche degli importi che ciascun richiedente potrà detrarre dalla spesa affrontata.

In ogni caso, per richiedere i benefici in termini di sconti, sarà necessario orientarsi su modelli di elettrodomestici che risultino tra i più performanti in termini di risparmio energetico. Per le cucine componibili, complete di elettrodomestici, si potrà richiedere al rivenditore un sconto del 10% sul prezzo di listino, fino ad un tetto massimo, fissato ai 1000 euro.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Arredi originali ed ecologici: Idee per trasformare bancali di legno elementi d'arredo
Qualche piccolo ritocco per rendere dei semplici bancali in legno, comunemente usati nelle industrie, degli originali pezzi di arredamento per la casa...
Come depurare l’aria di casa in modo naturale con l’uso delle piante
La qualità dell'aria interna è fonte di confort, come garantirci una vivibilità anche se circondati da inquinanti. Descrizione di alcune piante per de...
Ecolampade Led: moderni sistemi di illuminazione e di design
Abbiamo potuto constatare più volte come i LED possano offrire innumerevoli vantaggi in campo di illuminazione, sia si tratti di ambienti interni che ...
OLED: il nuovo concetto di illuminazione
Dopo aver passato moltissimi anni insieme al nostro amatissimo bulbo, è ora di dare spazio alla tecnologia. Per chi non è un amante dell'alone gial...
Un REGALO di NATALE per lo studio e l'ufficio
Ecco qui una serie di articoli che vi permetteranno di scegliere tra molti prodotti disponibili su internet e in commercio, in modo da riuscire ad ave...
Idee regalo natalizie per aspiranti sommelier
Come ogni anno durante il periodo natalizio, le persone si armano d'impegno per riuscire a trovare un regalo che corrisponde alla personalità del rice...
Il museo del riciclo: quando i rifiuti trovano una nuova vita
Si sente parlare sempre più spesso, e con più insistenza, di eco sostenibilità. Il problema rifiuti affligge ogni parte del mondo ma in particolare le...
Arredamento luminoso per portare la cromoterapia in casa
Scegliere l’arredamento di casa è un momento importante, non solo quando si tratta di una casa nuova da riempire, ma anche quando si tratta di semplic...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *