Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Per i 150 anni dell’Unità d’Italia il design propone arredi dedicati al TRICOLORE

Il 17 marzo 2011, l’Italia intera e Torino (Prima capitale d’Italia) festeggeranno i 150 anni dall’Unita d’Italia; per questo motivo ogni settore, da quello culturale a quello meramente pubblicitario, attendono con ansia l’evento, per festeggiare in modo storico, un giorno che appartiene alla memoria dell’animo nazional popolare.

Proprio per questo motivo, i designer, gli architetti e gli arredatori, non si sono fatti trovare impreparati di fronte a questa giornata, realizzando una serie di oggetti particolari, a tiratura limitata, tutti dedicati alla bandiera italiana.

I tavoli tricolore di Gaetano Pesce per Cassina

designer Gaetano Pesce

Tavolo serie Sessantuna di Cassina del designer Gaetano Pesce

Questa collezione di tavoli è nata appositamente per poter festeggiare nel modo adeguato l’Anniversario dell’unità d’Italia.

L’opera d’arte presente che potete osservare nell’immagine è stata realizzata dal designer Gaetano Pesce.

La forma del tavolo, particolarmente frastagliata, vuole ricordare la forma della nostra penisola, mentre, la bandiera tricolore viene riproposta fedelmente nella finitura verniciata del tavolo.

Altra cosa da sapere è che questo tavolo è una piccola parte della collezione realizzata, in quanto appartiene alla serie Sessantuna, composta da 61 tavoli, richiamo esplicito della data 1861 (anno dell’Unità d’Italia). I 61 tavoli messi l’uno accando all’altro vanno a ricostruire la penisola in modo dettagliato.

I tavoli sono numerati a seconda dell’ordine storico in cui i vari territori sono entrati a far parte dello Stato.

Ovviamente la serie Sessantuna è un’unica edizione limitata; per chi fosse interessato è possibile acquistare un tavolo della collezione su internet fino al 2 giugno 2011.

Le poltrone per festeggiare l’Unità d’Italia di Adrenalina

150 anni unità d'italia
Adrenalina ha deciso di festeggiare i 150 anni dell’Unità di Italia attraverso la rivisitazione di alcune tra le sue più celebri sedute vendute in tutto il mondo.

Una delle poltrone tricolore di Adrenalina

Ovviamente tutte rivestite con tessuto tricolore, in onore della bandiera.

Anche in questo caso si tratta di una limited edition dedicata esclusivamente all’evento dell’anno.

Per averne una è quindi il caso di dire che…..non c’è tempo da perdere.

La potrona dei fratelli Campana per Edra

poltrona tricolore per anniversario unità italiaDisegnata dai designer Fernando e Umberto Campana, la seduta Vermelha è una poltrona confortevole, realizzata con una struttura in acciaio verniciato.

Il rivestimento, molto particolare, è stato creato attraverso l’intreccio di 500 metri di corda colorata di rosso, bianco e verde, con anima in acrilico e rivestimento superiore in cotone.

Il lavoro è particolarmente lungo, in quanto di fattura artigianale minuziosa in ogni suo particolare.

Anche le parti che risultano in eccesso, sono una scelta voluta per creare un’insolita imbottitura comoda e piacevole.

Il passeggino tricolore di Brevi

Passeggino tricolore

Passeggino tricolore di Brevi

Per non far mancare proprio nulla ai festeggiamenti, anche la Brevi, nota marca di accessori per bambini, ha proposto un passeggino, che potesse onorare l’Unità di Italia.

Realizzato con tutti crismi consolidati dalla casa costruttrice, il passeggino della Brevi, si presenta con un’aria estremamente accattivante.

Il tricolore ne fa’ da padrone, in quanto ogni parte del passeggino richiama la bandiera italiana.

Per ricordare l’avvenimento, sono presenti poi, le date e i loghi dell’anniversario nella zona del coprigambe.

Il passeggino si chiama Grillo 2.0 ed è in edizione limitata; nel mercato saranno presenti solo 150 pezzi tutti reperibili solo attraverso prenotazione.

Sono moltissime in realtà le aziende che si sono ispirate ai 150 anni dell’Unità d’Italia per creare, riproporre e presentare accessori e complementi idonei all’evento.

Penne, caffettiere, borse, occhiali, sedie, tavoli, divani, letti e chi più ne ha più ne metta.

Far rivivere la storia è importante.

Il design, attento alla società e agli eventi che si susseguono, non vuole arrivare impreparato al 17 marzo, perchè si sa’….i 150 arrivano una volta sola, e qual miglior modo se non acquistare un accessorio, un oggetto o un semplice prodotto, che possa rendere indelebile un ricordo?

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Allo Specchio il compito di Arredare: mobili specchio, specchi da bagno, cornici in legno
Gli specchi d'arredo rappresentano un elemento decorativo multifunzionale, con o senza cornice, singoli o affiancati, in stile moderno o pezzi d'e...
Tecnologia: il sogno di ricongiungere indoor e outdoor
Nell’immaginario comune il progresso tecnologico è qualcosa che ci allontana dalla natura, dalla terra, ci porta nello spazio , su altri pianeti e in ...
Cuscini d'arredo e design: alcuni esempi
Cuscini d'arredo Se volete rimodernare un po’ il vostro arredamento, ma non vi potete permettere di spendere grosse cifre, si può puntare su qu...
Arredo per ufficio: una pianta per segretaria
Siete persone distratte, dimenticate i vostri appuntamenti e non capite niente di Iphone, palmari e organizer? Bene. Questa idea originale potr...
Karakuri. Bambole giapponesi in mostra a Torino
Le Karakuri Ningyo sono quasi sconosciute in occidente, nonostante si tratti di una tradizione artistica e artigianale presente in Giappone da oltre q...
I prodotti Tupperware: oggetti di uso comune che hanno rivoluzionato il nostro quotidiano
Il sistema di chiusura Tupper è stato una vara e propria rivoluzione; si trattava infatti di una tecnologia impermeabile sia all’aria che all’acqua, c...
Salone del Mobile di Firenze 2012, XV edizione
A marzo si terrà, presso la Fortezza da Basso in Viale Filippo Strozzi 1, il Salone del Mobile di Firenze 2012. Una importante manifestazione di arre...
Cosa regalare a Natale 2012: novità per la famiglia
Le feste di Natale si avvicinano e proprio per questo è necessario iniziare a pensare ai regali da mettere sotto l'albero. Molti si staranno già chie...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *