Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

lo stile Shabby Chic

Letteralmente la parola “shabby”, significa “trasandato”. Oggi lo shabby style è l’arte del recupero.

delle vecchie sedie da giardino trovate in un mercatino saranno perfette per dare un tocco Shabby Chic alla vostra cucina

Shabby chic, il ”trasandato chic” è uno stile romantico che ha il sapore della semplicità degli oggetti vissuti. E’ grazioso, elegante ma senza strafare. Uno stile consumato dal tempo. Uno stile pratico. Il trucco sta nel dare una nuova funzione o un nuovo alloggio all’oggetto di uso comune. Ad esempio la specchiera di un comò importante, può essere messa in bagno, appesa sopra ad un lavandino semplice, creando così un’ambiente particolare e personale: shabby. Una vecchia vetrinetta che in origine conteneva le porcellane più delicate,ridipinta delicatamente con toni pastello può trasferirsi in camera da letto, trasformandosi in una fantastica esposizione per i nostri sandali e scarpe più preziose e belle!

uno specchio antico ridipinto di bianco darà una nota romantica al vostro bagnosemplice e molto Shabby un bagno arredato con una vasca d'epoca ed un vecchio sgabello ridipinto color azzurro polvere

Lo Shabby è uno stile di vita, una filosofia del recupero più che un nuovo stile d’arredamento, è qualcosa che va al di là della semplice moda.

Ma come riuscire a  farlo nella maniera più raffinata? Il trucco è sapere unire il vecchio al nuovo, mescolando sapientemente gli oggetti e facendolo sempre discretamente. Niente deve essere forte e netto, tutto deve avere l’aria fresca e delicata.

Il rapporto tra lo stile country, il decapato, l’arte del recupero e lo Shabby Stile è in primo luogo il non lusso; è l’arte del recupero, la volontà di far rivivere un pezzo d’arredamento, un mobile, un oggetto dimenticati nel tempo.

I colori? Se lo stile country è caratterizzato d colori forti e decisi come il rosso, il giallo e il verde, lo stile provenzale invece è contraddistinto da tinte come l’azzurrino e il lavanda. I colori candidi e e morbidi, sono i protagonisti per eccellenza dello stile shabby;colori tenui, rilassanti per gli occhi e per la mente, per creare un ambiente in cui circondarsi di bianco, di luce, di aria fresca.
I colori per eccellenza sono i colori chiari: l’avorio con tutte le sue sfumature, dal bianco sporco al crema e al sabbia. I colori pastello come il grigio polvere, il rosa cipria, il verde salvia, il carta zucchero e comunque sono da privilegiare i colori tenui e sbiaditi. Ma in un contesto dove il bianco fa da padrone, un mobile dipinto ad esempio di un bel verde-turchese, starebbe alla perfezione. Anche il rosso ed il nero non sono del tutto banditi. Bisognerebbe studiare l’ambiente anche se sono colori da prendere a piccole dosi e da preferire a locali come la cucina o la lavanderia.

dipingete di un azzurro polvere il vecchio divano della nonna dimenticato in soffitta ed abbinate dei cuscini dai tessuti nelle stesse nuance di colore

I materiali per arredare in stile Shabby Chic?

Il legno è sicuramente al primo posto, per mobili, cornici, orologi, lampade, bauli, cassette…ma sono anche perfette le vecchie porcellane bianche, oppure oggetti antichi, sia in ceramica chiara che in vetro, come vasi e bottiglie, bicchieri. Da non dimenticare poi i tessuti come i pizzi e i merletti d’epoca e le stoffe dall’aria tipicamente retrò. C’è una infinità di scelta nella fantasia della stoffa: ci sono i quadretti vichy, le stoffe a motivo floreale soprattutto con le rose, oppure il tanto amato toile de jouy, tutte adattissime a personalizzare un divano,dei piccoli cuscini, tende,tovaglie..e anche vestiti magari cuciti da voi per i più piccini della famiglia!

Per il giardino invece, vanno bene tutti i vecchi oggetti in alluminio come innaffiatoi, catini e vecchie conche, facilemente trasformabili in contenitori per le nostre ortensie. Anche la ghisa è perfetta per certi complementi d’arredo: panchine, portavasi importanti, fregi, statue, ringhiere e cancellate.

Non vi resta che iniziare la ricerca dei vostri pezzi d’arredamento tra mercatini, soffitte e bancarelle, armarvi di pittura e pennelli ed iniziare a trasformare mobili e complementi d’arredo in stile shabby!Buon divertimento!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Loft: immagini e progetti per capire cos'è un loft
Il loft è un alloggio ricavato da un locale unico, solitamente i lofts sono ricavati da spazi industriali dismessi quali vecchi capannoni, ma...
Cuscini d'arredo e design: alcuni esempi
Cuscini d'arredo Se volete rimodernare un po’ il vostro arredamento, ma non vi potete permettere di spendere grosse cifre, si può puntare su qu...
Tavoli per bambini di design per la cameretta
Il tavolo è un elemento d’arredo molto importante, in ogni casa deve essercene almeno uno perché indispensabile per poter cenare, scrivere o svolgere ...
Una cucina colorata con gli accessori di design
Il colore rallegra gli ambienti e permette di arredare gli spazi in modo simpatico ed originale. Anche in cucina, dove siamo abituati abituata a ve...
Elettrodomestici ad incasso per una cucina moderna e organizzata
Come più volte abbiamo affermato, le case di oggi, spesso di piccole dimensioni superficiali, con ambienti e zone utili ristrette, necessitano di acco...
Mattoncini Lego, fonte di ispirazione per architetti e designers
Più volte vi ho parlato degli accessori che richiamano in modo forte la mania del Lego, uno dei giochi che ha caratterizzato e caratterizza ancora gra...
Salone del Mobile 2013: le novità
Dopo le date, già conosciute a fine 2012, finalmente è possibile sapere qualcosa in più su i Saloni 2013 organizzati da Cosmit. Come ogni anno non si ...
Arredamento da giardino: novità 2013
Finalmente, con l'arrivo della bella stagione, si può ricominciare a pensare al giardino, a come renderlo sempre più bello, personalizzato e confortev...


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>