Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Stile nordico: forme semplici ispirate alla natura

stile nordico

Stile nordico, semplice al limite dell'austerità.

STILE NORDICO

La memoria nelle forme familiari, la semplicità al limite dell’austerità, rigore  e leggerezza che si possono considerare, senza ombra di dubbio, sempre contemporanei  e che a cicli, scompaiono dalle proposte di arredamento ma che, poi, ritornano sempre: è lo stile scandinavo.

In esso si perpetua  l’abilità della cultura contadina  capace  di  allestire e decorare gli interni delle case con uno spiccato  senso della funzionalità, interni senza  eccessi, senza fronzoli ma per questo non meno accoglienti!

Caratteristiche dello stile nordico

Poliform  tavolino ICS

Poliform tavolino ICS

Tavoli con ripiani mobili  pronti per essere smontati  quando non venivano utilizzati  e potevano essere  tolti dai supporti ed appesi alla parete.

Panche disposte lungo il muro e  confortevoli sedie ricavate da tronchi cavi con lo schienale avvolgente.

Sgabelli i cui sostegni erano rami lasciati al naturale  con  le loro biforcazioni.

L’angolo notte  con l’armadio – letto con tende o ante di legno a protezione delle correnti d’aria.

Cassapanche decorate con tessuti decorati a mano dalle anziane e dalle giovani da marito del villaggio.

E15 poltroncina ECO3

Angoliere e credenze fissate alle pareti per appoggiarvi oggetti che mostravano lo stato sociale del proprietario.

Legni e segni chiari, rigore stilistico che possiamo ancora oggi ritrovare in alcuni complementi d’arredo o mobili contemporanei, disegnati guardando, comunque, a quella cultura che sapeva e sa  ricreare  all’interno delle proprie case quel calore che fuori, all’aperto, si può sentire solo poche settimane all’anno.

Al di là del freddo è uno stile che affascina per il suo modo sorprendente di risolvere le esigenze più comuni  e che abbiamo imparato ad imitare e ricreare con la stessa originalità.

Arredi essenziali in stile nordico

tavoli e sedie in legno faggio

Moustache INSTANT SEAT sedia

La poltrona INSTANT SEAT di Moustache , nasce da un’idea  che utilizza  la linea tradizionale del cavalletto, in questo caso, però, opportunamente sagomato accoglie la seduta di una comoda poltroncina.

Sia il cavalletto che la seduta sono realizzati  in faggio, legno tipico dello stile scandinavo, sono facilmente separabili  e quando non servono possono facilmente riponibili, occupando uno spazio minimo.

lampada a  sospensione

Tapio Anttila lampada a sospensione

Una particolarità è la presenza di un gancio per la borsa collocato sul retro dello schienale. E’ un progetto  dai costi contenuti.

La poltrona ECO3 Eugene di E15, è  in flessibile compensato di rovere curvato, impiallacciato e verniciato in modo da costituire una seduta dallo schienale alto, l’ampia seduta e la linea  avvolgente. E’ sostenuta  da gambe oblique. Per renderla più comoda è  possibile aggiungere cuscini ed un poggiatesta.

B&B tavolini FAT FAT

Dell’azienda De La Espada è, invece la panca BRANCA dalla linea familiare e rassicurante  con grande attenzione ai particolari. Realizzata in  massello di castagno e dove anche i nodi del legno sono stati scelti con cura e passati con olio danese per esaltarne le caratteristiche. I I piedini  di sostegno sono in rame e la seduta è  in pelle.

Barcelona Design B CHAIR

BD di Barcelona Design, è  una sedia dal design semplice e funzionale. Il legno e l’alluminio sono i materiali che caratterizzano la sua struttura. I sostegni sono ad X. E’ proposta in una gamma differente di colori.

tavolino VASSOIO

Plinio il Giovane tavolino VASSOIO

Poliform ha creato un tavolino, ICS, dalla struttura  in rovere. La particolarità sta  nell’ incastro dei sostegni  che  è a vista e  che crea  un particolare  elemento decorativo.

FAT  FAT, di B&B Italia, è un trio di tavolini dai sostegni in metallo ed un piano rotondo verniciato in bianco e che, come il tavolo precedente, richiamano un vassoio dalla linea semplice e funzionale.
Per leggerezza ed essenzialità il tavolo  VASSOIO, prodotto da Plinio il Giovane, ricorda un tavolo della tradizione scandinava con sostegni sottili e piano asportabile.

Ispirato al ponte autoportante progettato da Leonardo, questo tavolo, che porta il  suo nome, è stato disegnato dall’architetto Marco Ferreri per Morelato. Il piano è retto da una struttura che non ha nemmeno una vite per l’assemblaggio, gli unici elementi che lo sostengono sono  gli incastri e la forza di gravità. Si  smonta e si sposta facilmente. A richiesta oltre al piano in legno può essere fornito con piano  in cristallo che  valorizza il gioco degli incastri dei sostegni.

Morelato tavolo

Morelato tavolo LEONARDO

La consolle “Codice: Briccole”, di  Riva 1920, ricorda una serie di tronchi  assemblati per creare una forma semplice e quasi primitiva di  contenitore.

La superficie segnata, come avrebbero fatto l’acqua, il vento ed il fuoco, acquista un fascino particolare ed esclusivo.
THUOI è l’esempio più palese di come la funzione di un oggetto, in questo caso una lampada a sospensione  e prodotta da Tapio Anttila, non debba  per forza  avere una linea complicata per essere bella e funzionale. Ottenuta arrotolando una corteccia su sè stessa  assolve perfettamente alla sua funzione  senza passare inosservata.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Idee per avere una casa confortevole e piacevole da viverla
Agire sull’arredamento e sui complementi d’arredo per sentirsi meglio nell’ambiente in cui viviamo. A volte ti capita di entrare in una casa mai ...
Tecnologia: il sogno di ricongiungere indoor e outdoor
Nell’immaginario comune il progresso tecnologico è qualcosa che ci allontana dalla natura, dalla terra, ci porta nello spazio , su altri pianeti e in ...
Tappezzeria….non solo di carta ma anche in fibra di vetro
Quando nacque la tappezzeria in carta da parati, fu considerata un’innovazione nel mondo dell’arredamento, soprattutto nei luoghi domestici, cre...
ARREDAMENTO di design: dalla molecola alla forma
Piccole molecole, invisibili a occhio nudo e ai più sconosciute. Durante il periodo scolastico questi minuscoli elementi si studiano in maniera teoric...
La LAVANDERIA in poco spazio
Gli appartamenti spesso non sono provvisti di doppio bagno, o semplicemente, non hanno lo spazio necessario per creare una zona prettamente dedicata a...
TARTAN SCOZZESE per gli amanti del classico
In passato il Tartan era un tessuto molto in voga utilizzato per realizzare ambienti caldi e familiari, molto rustici. Con l'avvento dell'hi tech, ...
Le novità del Macef 2011: gli accessori per la tavola
Dall’8 all’11 settembre si è svolta a Milano, una delle più importanti fiere dedicate alla casa: arredamento, accessori, complementi d’arredo per tavo...
Note di colore in casa
Colore, colore e ancora colore! Gli spazi e gli ambienti della casa grazie alla presenza di colori contrastanti, vivaci e allegri, si accendono e i...


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>