Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Sedie e poltrone: stile, comfort e design

La seduta deve essere un elemento comodo e confortevole nella vita di tutti i giorni.

Si tratta di un complemento che, oltre ad essere bello, deve garantire la massima ergonomia in modo da evitare spiacevoli mal di schiena e problemi legati alla postura.

Ma non per questo deve avere delle lacune in ambito estetico; i designer costantemente “giocano” con questo prodotto per riuscire ad ottenere dei risultati sempre più accattivanti in grado di rispondere anche alla necessaria comodità.

Spesso si ripropongono storici modelli per essere nuovamente immessi nel mercato, risvegliando la curiosità di sedute che sono state protagoniste di un periodo storico. In ogni caso sofà, sedie e poltrone sono tutti accessori per la casa dei quali non si può fare per nulla a meno, allora tanto vale scegliere con originalità e gusto.

Guardiamo un po’ qualche elemento che mi ha particolarmente incuriosito o che semplicemente ha fatto storia e può essere ancora oggi, nel 2012, ritrovato ed acquistato.

La poltrona monolite

poltrone stile

Missix, la potrona di Maurizio di Marzio

In questo caso si può vedere nell’immagine come sia possibile, grazie alla rivoluzione geometrica, ottenere delle forme uniche ed inimitabili.

Si chiama Missix ed il suo particolare nome deriva dalla suo forma che ricorda il numero sei, ovviamente in stile grafico contemporaneo.

La struttura di Missix è di tipo monolitico; un unico blocco avvolgente che abbraccia il fruitore nel momento del relax.

La poltroncina è realizzata in polietilene stampato ed è stato possibile ottenere questo risultato grazie alla tecnica della stampa rotazionale.

Il complemento d’arredo è stato realizzato da Maurizio di Marzio che ha preso spunto dalle spirali minoiche di Santorini.

Missix in un’unica struttura racchiude sedile, schienale e braccioli. Una seduta completa, per un comfort garantito.

Poltrone stile anni 70: la poltrona libro

poltrona-Libro

La poltrona libro di Gianni Pareschi e Umberto Orsini riproposta

La poltrona a forma di libro è un classico degli anni ’70 che ha caratterizzato un momento storico importante: la crescita economica.

Questa seduta, disegnata nel 1970 da Gianni Pareschi e Umberto Orsini, è stata riproposta nel mercato, proprio per la sua capacità di comunicare e stupire.

La forma, come ben si può capire nell’immagine, riprende la struttura del libro; le pagine sfogliate formano seduta e schienale per un comfort inimitabile.

E’ dal 2007 che è stata rimessa in vendita; se vi interessa, non vi resta che ricercarla nei negozi che trattano design di classe.

Sedia di design impilabile e resistente

Sedia di design impilabile

Pulp di Christoph Pillet per Kristalia, sedia di design impilabile

Questa sedia si chiama Pulp e sicuramente è in grado di lasciare tutti a bocca aperta, proprio per la sua forma modellata su quella del corpo.

In realtà è stata studiata per rispondere completamente alle necessità delle persone che ricercano nella forma, la funzione.

Pulp è stata realizzata dal designer francese Christoph Pillet ed è una produzione italiana by Kristalia.

Anche in questo caso si tratta di un monoblocco; Pulp è realizzata in cellulosa e propilene, i colori disponibili sono diversi ed è originale, impilabile, durevole e resistente nel tempo.

Le ABChairs

Le ABChair

Le ABChair

Le parole ci sfuggono, sono formate da lettere che scappano in fretta per poi spesso, non tornare.

In questo caso le parole possono essere fermate per sempre grazie a queste simpatiche sedute disegnate da Roeland Otten.

Le ABChair sono realizzate in polietilene a bassa densità e comprendono l’intero alfabeto permettendo all’acquirente di scegliere qualunque tipo di combinazione in modo arbitrario e personale.

Attualmente l’unico modo per averne un paio in casa è fare una richiesta diretta.

Sedia di cavi M100

Ecco un’altra idea originale. Si tratta di una sedia assolutamente confortevole che si caratterizza per l’uso di metri e metri di corda.

Sedia M100 di Matias Ruiz Malbran

La sedia M100 è stata disegnata da Matias Ruiz Malbran e si costituisce di 90 metri di corda in polipropilene che, intrecciati e tesi, garantiscono comfort e resistenza nel tempo, senza rischiare di avere dei cedimenti.

Altri 10 metri sono poi formati dai tondini d’acciaio; ed è proprio la somma di queste due misure lineari a decretare il nome del complemento.

Avete visto? Le novità sono numerose e spesso ricercano nel passato la soluzione più giusta. Per adesso concludo qui, ma se dovessi incappare in altre soluzioni particolari e uniche, non mancherò di parlarvene.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Arredamento e Design per i bambini di ultima generazione
Arredare per i bambini con arredi di design Quando nasce un bambino, la casa diventa un enorme parco giochi dedicato a lui. Ovviamente questa real...
LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: contenitori di design
Tutti quanti ormai facciamo la raccolta differenziata e spesso, ci troviamo di fronte alla scelta del contenitore adatto per effettuare tale raccolta....
Lampade di design per le feste
Le feste sono ormai imminenti, si sta sistemando la casa mettendo addobbi natalizi, facendo l’albero e il presepe e cominciando a pensare alle cene e ...
L'ANGOLO STUDIO: in soggiorno o in camera da letto arredi e complementi per realizzarlo
La casa deve essere pensata e progettata nella distribuzione degli spazi in modo consapevole, rispetto alle proprie esigenze. Sembrerà strano ma no...
Soluzioni salvaspazio per il divano: i modelli compatti
Il divano è un complemento d'arredo indispensabile all'interno di ogni abitazione, in quanto è l'oggetto culto per potersi riposare dopo le fatiche de...
La tavola Natalizia: qualche idea originale senza spendere troppo
Fra un mese sarà Natale e sicuramente qualcuno starà già pensando come preparare il pranzo e la tavola per fare bella figura con parenti e amici. L...
Snaidero presenta OLA20 al Salone del Mobile di Milano, la cucina scelta da Brad Pitt
Una importante novità verrà presentata al Salone del Mobile di Milano dal 17 al 22 Aprile: la cucina dell'Azienda Snaidero progettata da Pininfarina c...
L’armadietto dei medicinali: come e dove
Certamente anche voi avrete in casa il vostro armadietto dei medicinali. Quasi sicuramente questo si trova o in bagno, oppure in cucina, succede così ...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *