Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Come pulire il ferro da stiro

Il ferro da stiro è uno dei piccoli elettrodomestici presenti nella maggior parte delle nostre case. Stirare non è una delle attività più gratificanti da svolgere ma il ferro da stiro è sicuramente uno degli elettrodomestici più ammortizzati. Proprio per questa ragione è molto importante scegliere con attenzione la tipologia di ferro più adatta alle nostre esigenze.

Il tanto odiato ferro da stiro

Il tanto odiato ferro da stiro

Per scegliere al meglio questo elettrodomestico è bene considerare la frequenza d’uso e soprattutto la quantità di indumenti stirati. Successivamente è bene indagare sulla temperatura raggiunta dal ferro e in quanto tempo la si raggiunge, in ultimo è bene considerare con attenzione anche il fattore vapore, molto importante per un’ottima stiratura.

Un altro fattore da valutare prima dell’acquisto di un nuovo ferro da stiro è sicuramente il prezzo. Solitamente prezzi più alti corrispondono a prestazioni più alte. In più attualmente è anche bene considerare i consumi energetici: tutti gli elettrodomestici di nuova generazione sono a bassi consumi energetici, sicuramente questa caratteristica ne influenza il costo.

Dopo aver deciso quale ferro da stiro acquistare sarà importante mantenerlo in maniera ottimale, in modo tale da non far diminuire la qualità della prestazione. Non basta quindi solo un’ottima scelta iniziale, fase ancora più importante sarà la manutenzione dello stesso.

Una piastra pulita: eliminare il calcare

Se solitamente utilizzate un ferro da stiro sicuramente saprete che l’elemento più importante è la piastra. Per un’ottima stiratura è necessario che questa sia sempre pulita, ed in più è importante che su di essa non ci siano fastidiosi depositi di calcare.

Il calcare si deposita sulla piastra quando l’acqua all’interno del ferro raggiunge alte temperature.

Ferro da stiro con caldaia

Ferro da stiro con caldaia

I depositi di calcare possono creare gravi problemi all’elettrodomestico; per prima cosa il calcare può far si che la temperatura raggiunta da questo si abbassi notevolmente e che diminuisca la quantità di vapore prodotto, ciò comporta delle cattive prestazioni, e quindi una pessima stiratura. Senza contare il fatto che in questo modo si perderà molto più tempo.

Nonostante il calcare sia principale problema dei ferri da stiro è opportuno evitare di eliminarlo utilizzando sostanze chimiche, anche i decalcificanti e un’eccessiva quantità di acqua rischierebbero di rovinare l’elettrodomestico.

Di norma vi consigliamo di consultare il libretto di istruzioni in dotazione, ma di base le metodologie di manutenzione sono sempre le stesse per tutte le tipologie di ferri da stiro. Normalmente mantenere il ferro pulito non richiede troppo tempo, inoltre non si tratta di operazioni particolarmente complicate da eseguire.

Semplici operazioni per pulire il ferro da stiro

Prima di procedere con la pulizia del vostro ferro da stiro è necessario che questo sia scollegato dalla corrente elettrica. In secondo luogo è bene che il ferro sia a temperatura ambiente, aspettate quindi almeno un paio di ore dopo l’utilizzo, in maniera tale da non incorrere in eventuali – e spiacevoli – ustioni o scottature.

Nonostante la piastra sia l’elemento più importante del ferro da stiro non dimenticatevi di pulire anche la parte esterna, si tratta di una rapida operazione che può essere eseguita con un semplice straccio umido.

come pulire il ferro da stiro

Pulire il ferro da stiro

Per pulire la piastra invece procedete utilizzando una spugna non abrasiva, è infatti importante non rovinare questo elemento, poiché si trova a contatto con i nostri indumenti.

Normalmente la maggior parte dei ferri di alta gamma hanno dei meccanismi di auto pulizia molto efficienti, è bene non interferire con ulteriori pulizie. In caso contrario possiamo procedere con l’eliminazione del calcare sulla piastra almeno una volta al mese, da intensificare in caso di uso più frequente del ferro da stiro.

Acqua e aceto: il rimedio della nonna

Naturalmente i rimedi più efficaci sono quelli che ci insegnano le nostre nonne. In più sono spesso i più economici e quelli che creano meno problemi sia a noi che ai nostri elettrodomestici.

Tra i metodi più antichi e naturali per pulire i ferri da stiro c’è quello di utilizzare l’aceto. Procedete in questo modo: riempite la caldaia del vostro ferro da stiro metà con acqua e metà con aceto, portate poi il ferro alla temperatura che solitamente utilizzate per scaricare il vapore.

Fate poi raffreddare il ferro ed eliminate l’acqua e aceto dalla caldaia, in questo modo avrete eliminato anche i residui di calcare.

Se non riuscite ad eliminare subito tutto il calcare potete ripetere più volte la stessa operazione utilizzando una quantità sempre minore di aceto.

Un’importante indicazione: non utilizzate l’aceto per pulire la piastra del vostro ferro da stiro, potrebbe danneggiarla (così come la maggior parte delle sostanze abrasive).

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Soppalchi: come progettare e costruire un soppalco in legno e ferro
Ristrutturazione con soppalco In questa ristrutturazione commissionata da un nostro cliente si è deciso di non realizzare l’ultimo solaio ad una ...
Origami per la tavola: l’arte di piegare i tovaglioli
Origami natalizi Oggi ci occuperemo di fornire qualche consiglio su come si possa rendere speciale, originale ed elegante una tavola apparecchiata, d...
ARREDAMENTO di design: dalla molecola alla forma
Piccole molecole, invisibili a occhio nudo e ai più sconosciute. Durante il periodo scolastico questi minuscoli elementi si studiano in maniera teoric...
Piante e fiori in appartamento per ogni stile d'arredamento
Accade raramente che si possa arredare un locale partendo da zero, cioè scegliendo tutti i materiali, i mobili, gli oggetti e le piante necessarie...
Quando manca il RIPOSTIGLIO: soluzioni salvaspazio e faidate
Oggi torniamo a parlare delle piccole abitazioni che necessitano di soluzioni alternative e ingegnose per garantire tutti i comfort e la comodità per ...
Alla ricerca della forma: il design organico
Si iniziò a parlare per la prima volta di un approccio organico al design nel XIX secolo. Si tratta di un design di tipo sperimentale di tipo olistico...
Aiuto! Trasloco, consigli utili per non impazzire
Pare che il trasloco sia uno dei momenti più stressanti che un uomo possa affrontare. Oltre all’ansia di un cambiamento e di un trasferimento c’è l’an...
Tortiere, teglie e stampi per tutti i gusti
Il cake design spopola in televisione, sul web, in edicola e libreria. L'interesse sempre crescente per le coloratissime torte e capcakes Americane...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *