Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

I biocaminetti rivoluzionano il concetto tradizionale di camino

Bio-Caminetti senza canna fumaria

Belli e funzionali, versatili ed ecologici creano in tutta sicurezza un focolare personalizzato inseribile in qualunque contesto di arredo.

Il bello di avere un camino, senza il fastidio della cenere.

Nessuna opera muraria, nessun impianto, solo un mobile e un focolare ecologico.

Il biocamino è un braciere nel quale arde una fiamma atossica prodotta da bruciatori sicuri con un’intensità spesso regolabile.

Spirit Eco Firebowl scalda rapidamente piccoli ambienti

Spirit Eco Firebowl scalda rapidamente piccoli ambienti

Pratici e rimovibili non creano fumo, fuliggine, particelle sospese o pericolose scintille; in più non devono essere collegati nè all’impianto elettrico né a quello del gas.

Perché scegliere un biocaminetto

Il bio caminetto è facile da installare e facilmente trasportabile.

Si può spostare in qualsiasi ambiente della casa senza alcun problema.

Non si tratta di una semplice scelta estetica ma spesso serve a risolvere un impedimento tecnico quale la mancanza di spazio o l’impossibilità di installare una canna fumaria.

Installare un biocaminetto è la scelta ideale per chi vuole un prodotto ecosostenibile alimentato da fonti alternative, in questo caso carburanti biologici atossici sia per l’uomo che per la natura, derivanti dalla distillazione di sostanze vegetali.

In più non hanno bisogno di pulizia da cenere e fuliggine.

Si puliscono come tutti gli altri mobili.

Inoltre non sono necessarie autorizzazioni o permessi per l’installazione.

Cosa bruciano e come funzionano?

Ecosmart fire svincola da problemi impiantistici e strutturali

Ecosmart fire svincola da problemi impiantistici e strutturali

I biocaminetti sono principalmente alimentati dalla combustione di sostanze vegetali.

In questo caso il Bioetanolo, prodotto ecocompatibile che non produce fumi, odori e residui.

Questo combustibile non è inquinante perché non deriva dal petrolio o gas o miniere di carbone, quindi non contiene particolati PM 10, fumi, ceneri, gas di varia natura che devono essere evacuati dal locale e dispersi nell’aria, tramite la canna fumaria, in quanto nocivi per l’uomo.

E’ un alcool denaturato non tossico, derivante dalla fermentazione di sostanze vegetali come barbabietole, frutta, cereali e patate.

Produce soltanto vapore acqueo e anidride carbonica in quantità paragonabili a quelle prodotte dalla fotosintesi di una pianta.

Per il corretto funzionamento del biocaminetto è necessaria la presenza di ossigeno, quindi nel luogo in cui si trova dovrà esserci un costante ricambio d’aria.

I biocaminetti non necessitano di canna fumaria perché la combustione dell’ alcool etilico denaturato avviene alla temperatura di circa 400°C e non produce sostanze tossiche che devono essere portate fuori attraverso la canna fumaria.

La sicurezza è un aspetto fondamentale

Safretti curve in acciaio inossidabile e alluminio verniciato

Safretti curve in acciaio inossidabile e alluminio verniciato

Il focolare deve necessariamente essere in acciaio inossidabile e di spessore adeguato.

La fiamma si regola manualmente in maniera da dosarne la potenza.

Un’ulteriore protezione dal contatto accidentale col fuoco è data da pannelli di vetro temperato per garantire maggiore sicurezza in caso di presenza di bambini o animali domestici.

Il rivestimento del focolare è studiato per resistere alle temperature raggiunte durante l’uso.

Attenzione alle certificazioni: la completa affidabilità dei prodotti migliori è sempre certificata.

Ma scalda?

Molti di noi si saranno sicuramente posti questa domanda.

Considerando che anche i caminetti tradizionali a legna non vengono utilizzati come fonte principale di riscaldamento, ma piuttosto come integrazione di riscaldamento e la loro funzione principale è creare l’atmosfera, possiamo comunque dire che scegliere un biocaminetto progettato in maniera accurata può significare anche ottenere buoni risultati in termini di riscaldamento.

Questi elementi sono concepiti per essere delle fonti di calore economiche, sicure e performanti. Con un litro di bioetanolo, la fiamma del biocaminetto brucia fino a tre ore circa a seconda del modello e della regolazione manuale impostata, per riscaldare locali dai 20 ai 40 mq.

La loro efficacia è dovuta anche al fatto che, non essendo collegati con l’esterno attraverso la canna fumaria, si evitano dispersioni di calore.

Nei caminetti tradizionali il condotto della canna fumaria determina la dispersione del 70% del calore prodotto.

Il biocaminetto invece diffonde circa il 90% del calore prodotto.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Cucine: come progettare l'arredamento della cucina
DEFINIRE LE PRIORITÀ DI CHI USERÀ LA CUCINA Prima di iniziare il progetto della cucina vero e proprio, dovete definire bene le vostre priorit...
Scegliere il tessuto giusto
Come scegliere il tessuto giusto per ogni necessità d'arredo Per arredare con i tessuti un ambiente in modo adeguato è necessario conoscere cosa si a...
Come realizzare un acquario con il fai da te
L’acquario è un complemento d’arredo molto interessante, in quanto al suo interno possiamo ricrearvi un mondo parallelo. I negozi ci offrono un...
Cuscini d'arredo e design: alcuni esempi
Cuscini d'arredo Se volete rimodernare un po’ il vostro arredamento, ma non vi potete permettere di spendere grosse cifre, si può puntare su qu...
Tende a rullo : guida alla scelta della tenda
Quando si vuol aggiungere un tocco di personalità, creatività e colore nelle proprie abitazioni si arriva al punto in cui ci si trova di fronte ad una...
Condizionatori e Climatizzatori di design
Arriva il caldo e come sempre a molti viene voglia di acquistare un condizionatore o di un climatizzatore per rinfrescare gli ambienti dalle torride e...
Arredare la camera da letto: come orientarsi nella scelta del letto
Quando c’è da arredare una casa nuova si è sempre molto entusiasti. Tutto questo entusiasmo spesso viene smorzato al momento di scegliere la camera da...
Palermo Design Week
Si è inaugurata lo scorso venerdì 29 giugno e andrà a vanti fino a domenica 8 luglio, si tratta della quarta edizione della Palermo Design Week, un’im...


Un commento di I biocaminetti rivoluzionano il concetto tradizionale di camino

  1. Marco

    11/10/2010 at 16:29

    Ho acquistato recentemente un biocaminetto e devo dire che, nonostante fossi scettico all’inizio, in realtà si è dimostrato molto funzionale; non hai problemi di fumo, riscalda bene piccoli ambienti ed è economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *