$cached_direct_pages = array( ); //Added by WP-Cache Manager Bambole Kokeshi, bambole giapponesi tra tradizione e moda | Arredamento x Arredare La CASA giusta

Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Bambole Kokeshi, bambole giapponesi tra tradizione e moda

Di sicuro vi sarà capitato di vedere girando per negozi una moltitudine di piccole bambole lignee in stile giapponese, dai colori accesi e l’aspetto rassicurante. Da un po’ di anni a questa parte si è vista una vera e propria invasione di questi oggetti, utilizzati normalmente come soprammobile.

La maggior parte di quelle in vendita sono delle imitazioni, spesso venute male e prive di significato, di bambole tradizionali del Giappone. Molti di voi le avranno in casa e forse ne ignorano quasi completamente il valore e l’importanza.

In questo breve articolo vi vogliamo raccontare qualcosa in più su questi bellissimi oggetti della tradizione giapponese, sperando che presto la moda passi e questi stupendi oggetti riacquistino il valore che meritano.

Origine delle bambole Kokeshi

Le Kokeshi tradizionali iniziarono ad essere realizzate circa quattrocento anni fa, nel bel mezzo del periodo Edo (1603-1867). Queste bambole presero spunto dalla vita e dalla cultura locale; le prime produzioni di questi raffinati oggettisi collocano nella zona nord-est del Giappone, precisamente in un’area conosciuta come la regione del Tohoku.

bambole giapponesi

Bambole Kokeshi tradizionali

Si ritiene comunemente che gli artigiani del legno del tempo noti come Kijiya, (che significa falegname in giapponese) si erano specializzati in utensili in legno per la casa, come vassoi e ciotole. La fabbricazione delle piccole bambole iniziò in inverno, queste venivano vendute  come souvenir ai molti turisti che visitavano i luoghi per fare il bagno nelle molte onsens (terme) presenti vicino ai loro villaggi.

Chi si poteva permettere il lusso di frequentare le terme in inverno non aveva problemi ad acquistare questi piacevoli souvenir. Le Kokeshi venivano portate a casa e regalate ai bambini. Le bambole venivano realizzate con intento benaugurale, per auspicare un buon raccolto o per impressionare positivamente gli dei: bastava che i bambini ci giocassero per avere influenze positive.

11 tipi di Kokeshi tradizionali

Esempi di Kokeshi

Esempi di Kokeshi

Le bambole di legno erano spesso più economiche rispetto ad altri tipi di bambole. Le Kokeshi continuavano ad essere realizzati in varie parti della regione Tohoku, forme e modelli divennero particolari a seconda dell’area di realizzazione.

Lo stile e l’abilità nel realizzare queste bambole tradizionali si tramanda da secoli da maestro ad apprendista, di padre in figlio. Le varietà di Kokeshi tradizionali realizzate oggi possono essere classificate in undici differenti tipologie: Tsuchiyu, Togatta, Yajiro, Naruko, Sakunami, Yamagata, Kijiyama, Nanbu, Tsugaru, Zao-takayu e Hijioro.

Ciò che accomuna le differenti varietà di bambole è di sicuro la semplicità estrema del design; in origine anche la tecnica di lavorazione era molto semplice, si utilizzava infatti solo un tornio a mano.

Tratti somatici comuni a tutte le Kokeshi

Per tradizione tutte le bambole Kokeshi hanno delle caratteristiche comuni che rimangono immutate nel tempo. Tutte hanno una base del corpo a forma cilindrica e sono prive di arti, la testa è rotonda. I primi esemplari di bambole kokeshi non venivano verniciate, oggi quasi tutte sono caratterizzate da pitture in colori vivaci dai caratteristici disegni floreali, kimono e altri simboli della tradizione giapponese. I colori usati sono in prevalenza il rosso, giallo e viola.

bambole Kokeshi

Kokeshi tra modernità e tradizione

 

Normalmente ogni bambola deve essere scrupolosamente dipinta a mano, non esistono infatti due volti uguali: è proprio in questo che si racchiude il magico fascino delle kokeshi. Alcune bambole hanno espressioni capricciose, altre sono felici e sorridente, mentre altre ancora sono serie.

I legni utilizzati per le Kokeshi sono molti e molto differenti. Il ciliegio è molto scuro. Il Mizuko o corniolo è più morbido ed è ampiamente utilizzato. Anche l’Itaya-Kaede, un acero giapponese, si sceglie molto spesso per realizzare bambole tradizionali. Prima di poter utilizzare il legno per fare una bambola questo deve rimanere all’aperto a stagione da uno a cinque anni.

Oggi la realizzazione di Kokeshi è riconosciuta come una delle arti popolari tradizionali del Giappone.

Le Kokeshi creative (Shingata): rivisitare le tradizioni

Le Kokeshi tradizionali presentano tutte uno stile molto simile e riconoscibile; le Kokeshi “creative” (Shingata Kokeshi) sono completamente libere, sia per quanto riguarda la forma, sia per il disegno e colore.

 

Kimmidolls,Kimmidoll

Kimmidolls – un'evoluzione moderna delle Kokeshi

Si mette in gioco la fantasia sfrenata del singolo artista che deve creare queste piccole opere d’arte. L’evoluzione delle Kokeshi si sviluppata solo dopo la seconda guerra mondiale; pian piano si è visto un aumento di popolarità quando il pubblico si è reso conto del loro valore come opere d’arte.

Le Kokeshi creative non sono originarie di una regione specifica del Giappone. A differenza della maggior parte degli artisti tradizionali Kokeshi che si trovano in zone prevalentemente rurali, gli artisti che realizzano Kokeshi creative solitamente abitano le città.

Queste bambole creative hanno uno stile più libero e meno legato alla tradizione, in più gli artisti possono spaziare molto utilizzando tecniche di realizzazione tra le più disparate, come per esempio l’incisione e la cottura. Anche se i legni utilizzato per realizzare Kokeshi creative possono variare molto normalmente Mizuko (corniolo) e ciliegio sono quelli più utilizzati. Come accade per la realizzazione delle bambole Kokeshi tradizionali anche per le creative si deve lasciare il legno all’aperto a stagione da uno a cinque anni prima di poterlo utilizzare.

La bellezza delle Kokeshi creative risiede non solo nelle tecniche di realizzazione, ma soprattutto nella creatività e nel messaggio che ogni bambola racchiude in se. Dal 1954 il primo ministro giapponese ha istituito un premio che ogni anno viene assegnato alla migliore Kokeshi creativa realizzata in tutto il Giappone.

Nonostante i molti stili differenti nella realizzazione di bambole Kokeshi esiste una filosofia condivisa da tutti: cioè che ogni bambola Kokeshi rappresenta la ricerca della bellezza e dell’arte attraverso la semplicità.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Testata del letto: nuove idee per la camera da letto
Una testata del letto originale può essere realizzata in molti modi diversi, per ottenere altrettanti effetti interessanti e abbinabili allo stile del...
Decorare con le righe: pareti, quadri e complementi d'arredo
Idee per arredare tutto a righe Tra le idee più originali e creative che è possibile scegliere per decorare gli ambienti domestici, sicuramente v...
LAMPADINE:come cambiano le forme delle vecchie lampadine
LAMPADINE D'ARREDO E se ci dicessero che è possibile abbellire la casa anche con le lampadine? Non ci credete? Diciamo basta alla classica forma s...
Cuscini d'arredo e design: alcuni esempi
Cuscini d'arredo Se volete rimodernare un po’ il vostro arredamento, ma non vi potete permettere di spendere grosse cifre, si può puntare su qu...
Scegli la sedia di design che fa per te: siediti con stile
La sedia apparentemente è un oggetto così comune che a volte passa in secondo piano. In realtà è un complemento d’arredo molto importante per la re...
Carte da parati di design
La carta da parati è un elemento decorativo e d’arredo spesso presente nelle nostre abitazioni, ci sono periodi in cui viene considerata di moda e alt...
Il museo del riciclo: quando i rifiuti trovano una nuova vita
Si sente parlare sempre più spesso, e con più insistenza, di eco sostenibilità. Il problema rifiuti affligge ogni parte del mondo ma in particolare le...
Anteprima Salone del Mobile 2012: sedie, sgabelli e divani di design
Ci siamo, dal 17 al 22 Aprile a Milano sarà di nuovo Salone del Mobile, tutte le novità nel campo dell’arredamento, eventi, incontri, presentazioni, i...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *