Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Arredare una casa piccola da 40 a 60 mq: open space, cucina, salotto e bagno

Parliamo di case piccole. Appartamenti che ormai fanno parte della nostra vita.

La maggior parte dei giovani, le nuove coppie e le persone single, si vedono costrette ad acquistare appartamenti di piccole dimensioni e questo fa’ si che sia necessario trovare delle soluzioni compositive idonee per rendere una casa accogliente.

Per prima cosa cerchiamo di capire come è composta una casa di dimensioni ridotte.

Si tratta di un bilocale: quindi composto da un ambiente adibito a zona giorno, un ambiente progettato per la zona notte ed un bagno.

Dopodichè può essere provvisto di finestre e balcone con porta finestra, che permettono l’ingresso della luce naturale.

Forse non tutti sanno che per legge ci sono dimensioni standard da rispettare nella progettazione degli ambienti e quindi, vi può essere utile venire a conoscenza degli spazi minimi che potreste trovare nelle costruzioni residenziali di nuova generazione.

Per quanto riguarda la zona giorno i metri quadri che sicuramente avrete a disposizione saranno circa di 20 mq, la zona notte prevede una camera matrimoniale in quanto si suppone che in un bilocale possa stare una coppia quindi, difficilmente troverete ambienti di dimensioni inferiori a 14 mq, il bagno è la cosa che risulta un po’ più sacrificata, in quanto si consiglia dover essere non inferiore a 3,5 mq.

Adesso, dopo aver dato i numeri, possiamo iniziare ad analizzare ambiente per ambiente cercando di trovare delle soluzioni distributive che possano rendere la casa accogliente e spaziosa.

L’ OPEN SPACE

Soluzione distributiva Open Space

Anche se a molti l’idea non piace, è meglio parlare di open space, un’unico ambiente libero in cui inserire sia la zona adibita a cucina che lo spazio dedicato al soggiorno.

In questo modo non si chiude l’appartamento, non si creano quegli spazi destinati a cucinino ma, garantendo l’ingresso della luce naturale, possiamo ottenere una zona giorno luminosa e con maggiori possibilità di arredarla a proprio gusto e fantasia.

Se comunque non riusciamo proprio a sopportare l’idea dell’open space, possiamo dividere i due ambienti con un muretto basso oppure inserendo complementi d’arredo di design che rispondano alla funzione divisoria.

Altra cosa che può funzionare come divisione distributiva, è una cucina con penisola.

La penisola la consiglio però già per appartamenti intorno ai 60 mq, anche perchè se sono più piccoli, si rischia non di dividere ma di ingombrare.

LA CUCINA

La cucina compatta contiene tutti gli accessori utili in poco spazio

La cucina preferibilmente deve essere acquistata compatta e con soluzioni salvaspazio.

Il frigorifero non deve essere ingombrante e se, si riesce, deve avere la profondità della cucina stessa, in modo da non essere di intralcio nello spazio residuo.

IL SALOTTO

Il televisore può essere appeso e, intorno possono essere posizionati dei mobiletti

Per quanto riguarda l’area adibita a salotto, l‘arredo dovrà preferibilmente essere minimal, magari preferendo soluzioni d’arredo simpatiche che garantiscano di contenere piatti, bicchieri e altri suppellettili indispensabili sia in cucina che in salotto.

Ovviamente il televisore può essere appeso alla parete e magari sostenuto da un braccio mobile che ne permetta la rotazione a seconda di dove la si vuol guardare.

Il tavolo da pranzo non deve essere obbligatoriamente sacrificato, anche perchè adesso in commercio troviamo dei bellissimi tavoli, ad esempio in cristallo, che possono allungarsi passando da 4 ad 8 posti.

PARETI E SPAZI LIBERI

Lasciamo un po’ di spazio nelle pareti, non riempiamole; in questo modo la casa non sembrerà ancora più piccola.

Mettiamo giusto qualche complemento d’arredo, magari solo un grande quadro che rallegri lo spazio.

Le pareti dovranno essere dipinte con colori chiari in modo da non provocare una sensazione di chiusura; oppure se scegliamo di avere un arredo molto chiaro dipingiamole con colori sgargianti ma non eccessivi, che possano rendere frizzante la zona giorno.

LA ZONA NOTTE

Bisogna sfruttare tutta l'altezza della parete a disposizione

Se ci spostiamo verso la zona notte dobbiamo sapere che i muri della stanza (sempre per quanto riguarda case di recente costruzione) non saranno più alti 2,70 m.

Decidiamo di acquistare un mobile non molto profondo ma alto come la parete.

Questo consentirà di sfruttare al massimo l’altezza della stanza.

Non ingombrando con l’armadio, possiamo inserire il letto ed i comodini che più ci piacciono senza avere problemi di spazio.

Cerchiamo poi di avere in casa un luogo, magari nel piccolo corridoio di divisione tra la zona giorno e la zona notte, in cui poter andare a collocare la nostra lavatrice.

Se ci è possibile, chiudiamo il piccolo ambiente con una porta scorrevole o a scrigno, in questo modo riusciamo a sfruttare lo spazio rendendolo un piccolo sgabuzzino funzionale, magari aggiungento qualche mensola.

IL BAGNO

Per quanto riguarda il bagno facciamo installare la doccia, collochiamo un lavabo sospeso di design accattivante e giochiamo, o con dei mobiletti di minima profondità, oppure con piccole mensole, anche ad angolo.

I problemi dimensionali possono essere risolti anche tramite qualche trucchetto di illusione ottica.

Inserire uno specchio nella giusta posizione consente di aumentare la sensazione di spazio rendendo  l’appartamento anche più luminoso.

Questo è il metodo più pratico per rendere la propria abitazione accogliente anche se si hanno a disposizione pochi metri quadrati.

Se si arreda con gusto, gli ambienti, a volte risultano essere perfino più belli di quelli grandi che rischiano di rimanere spogli, risultando freddi e vuoti.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Cemento come rivestimento? Oggi è scelto anche per rivestire pareti e pavimenti
Il cemento, materiale per anni utilizzato abbondantemente, poi denigrato e considerato “povero”, torna alla ribalta in nuove applicazioni decisamente ...
Cestini e pattumiere per la raccolta differenziata da tenere in casa
Che cestino sei?! E come ti differenzi?! Rotondo, cubico, lungo, largo, piccolino, strano, multiplo, chiuso, a sportello, a sacchetto, ecologico, por...
La carta da parati: posa con il fai da te
La carta da parati è tornata di moda, e con se ha riportato i suoi vecchi problemi. Come vi abbiamo già fatto vedere, ci sono ormai molte azien...
Mini cucine multifunzionali: quando le cucine tradizionali lasciano spazio all'innovazione
Abituati a cucine dal taglio tradizionale, dotate di ampi ripiani per la lavorazione dei cibi, con capienti pensili e cassetti per riporre gli utensil...
Al Museo Leonardo da Vinci di Milano: Eureka! Le intuizioni geniali di Archimede
A Milano, fino alla fine di marzo 2012, è possibile assistere ad una mostra interattiva dedicata alle invenzioni dello scienziato siracusano Archimede...
Un TAVOLO TRASFORMABILE per una zona giorno piena di spazio
Quante volte vi siete lamentati di non avere un tavolo trasformabile sufficientemente grande per poter ospitare amici e parenti senza dovervi preoccup...
Snaidero presenta OLA20 al Salone del Mobile di Milano, la cucina scelta da Brad Pitt
Una importante novità verrà presentata al Salone del Mobile di Milano dal 17 al 22 Aprile: la cucina dell'Azienda Snaidero progettata da Pininfarina c...
Limitare l’inquinamento domestico e la S.B.S.
Con l’acronimo S.B.S (Sick Building Syndrome) si intende quella patologia legata a tutte le fonti di inquinamento domestico presenti all’interno delle...


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>