Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Stile anni 50: arredamento moderno con un design d’altri tempi

Le mode ritornano ciclicamente in ogni stile ed anche nell’ambito del design, per quest’anno le aziende ed i designer si sono soffermati sullo vecchio e caro stile anni ’50, recuperando forme e materiali del passato per ripresentarli in una chiave nuova e moderna.

E allora diamo un occhiata al passato per vedere il futuro,

Mobile soggiorno  semplice ma d’effetto

Il sistema a parete Flat di B&B Italiasi contraddistingue per la sua ospitabilità versatile.

Mobile soggiorno Flat di B&B Italia

Mobile soggiorno Flat di B&B Italia

Oltre a preoccuparsi del posto dedicato al televisore, crea spazi e vani di differenti dimensioni in modo da disporre i diversi oggetti della casa in modo ordinato e variegato.

I colori bianco e nero a contrasto rendono il complemento d’arredo semplice ma d’effetto.

La composizione cerca di ricavare il maggiore spazio possibile con il minore ingombro.

Divano componibile

Divano componibile

Divano componibile Freestyle

Proprio come il suo nome, il divano Freestyle consente di creare sempre soluzioni nuove, attraverso la scelta di combinazioni che si differenziano per movimento e forma.

La struttura completamente modulare, permette di personalizzare qualunque cosa, comprese sedute e schienali.

Nello stile anni ’50 i colori sono leggeri e sobri, ma Freestyle accontenta tutti, consentendo la completa combinazione di molteplici colori associandoli a seconda dei propri gusti personali.

Mobile che ricorda lo stile anni 50

Marseille di Varschin

Marseille di Varschin

Se siete alla ricerca dell’accessorio minimal, semplice nella forma e nella sostanza, sicuramente Marseille farà al caso vostro.

Marseille di Varschin è un complemento d’arredo realizzato in rovere scuro che viene vivacizzato dalle due diverse ante, una laccata verde mentre l’altra forata bianca.

Il risultato finale è un mobile semplice, raffinato e assolutamente funzionale.

Marseille può tranquillamente diventare parte di una parete soggiorno oppure diventare un mobiletto da disporre all’ingresso o lungo il corridoio.

La sua semplicità gli garantisce di essere collocato in molti ambienti della casa.

Separé personalizzabile

Moresco di Sampietro

Moresco di Sampietro: Separé personalizzabile

Vi ricordate gli eleganti separé collocati nelle camere da letto come elementi schermanti? Garantivano una privacy ormai scomparsa. Proprio per questo motivo i separé hanno preso una connotazione differente, una vesta nuova, cambiando anche in parte la loro funzione originaria.

Moresco di Sampietro è un complemento modulare che può diventare una particolare parete divisoria in grado di dividere gli spazi senza impedire il passaggio della luce naturale.

Moresco è una struttura a rete composta da elementi in ferro battuto agganciati l’uno con l’altro grazie alla presenza di anelli metallici. Questo permette la completa personalizzazione e dimensione del complemento.

Proprio per questo motivo la struttura è venduta al mq. In questo modo sarà l’acquirente a decidere e progettare il complemento d’arredo.

Arredamento anni 50

arredamento anni 50

Baker, divano dell'arredamento anni 50

Ecco un esempio pratico di come anche le idee degli anni ’50 possano risultare di tendenza anche 60 anni dopo.

Baker è un divano che venne disegnato negli anni 50 da Finn Juhl. Dopo vent’anni dalla scomparsa del designer, l’azienda One Collection ha deciso di metterlo in produzione riscontrando un discreto successo.

La forma ed il colore si muovono seguendo il pensiero degli anni ’50 proprio perché provengono proprio da quel periodo storico.

Ed è forse anche per quel motivo che ad oggi, Baker è un complemento d’arredo molto apprezzato, si sente il sapore di storia, un racconto originale e non una semplice rivisitazione di una realtà ormai passata.

Tecnologia in stile anni 50

stile anni 50

Philco PC tecnologia in stile anni 50

Ed ecco qui il perfetto connubio tra passato e moderno.

Un modello di Personal Computer tecnologicamente avanzato, che riprende nel suo packaging la struttura degli accessori anni ’50.

Lo Shuitze design studio ha voluto ricordare in modo inconfondibile la struttura del televisore Philco Predicta un televisore simbolo degli anni ’50 e per ricordarlo in modo ancor più consapevole lo ha chiamato Philco PC.

Una veste minimal ma con colori accesi ed eleganti.

 

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Arredare riciclando
Fare la raccolta differenziata e riciclare gli oggetti sono operazioni che non solo fanno bene all’ambiente ma anche al portafogli. Creativi e design...
L'ANGOLO STUDIO: in soggiorno o in camera da letto arredi e complementi per realizzarlo
La casa deve essere pensata e progettata nella distribuzione degli spazi in modo consapevole, rispetto alle proprie esigenze. Sembrerà strano ma no...
Per i 150 anni dell'Unità d'Italia il design propone arredi dedicati al TRICOLORE
Il 17 marzo 2011, l'Italia intera e Torino (Prima capitale d'Italia) festeggeranno i 150 anni dall'Unita d'Italia; per questo motivo ogni settore, da ...
Sedute fuori dall’ordinario: allegre e originali
La sedia di cartone All’apparenza non sembra assolutamente una poltrona realizzata in un materiale povero e semplice come il cartone, e invece la...
Lavabi sospesi, in vetro o colorati per un concept legato allo spazio
Abbiamo affrontato molte volte il tema dell'oggetto salvaspazio, soprattutto a causa della superficie sempre minore delle abitazione. Un ambiente prog...
Arredare casa con i complementi d’arredo di Luca Nichetto
Forse non tutti lo conosco, ma le sue creazioni stanno negli ultimi riscuotendo sempre più successo e probabilmente vi sarà già capitate di vederle su...
Gli incidenti domestici
Abbiamo già detto molte volte che purtroppo le nostre case sono spesso i luoghi nei quali capitano con frequenza molti incidenti domestici. Ciò è d...
Design sostenibile, ecologico e naturale
Fortunatamente il mondo del design sostenibile cresce di giorno in giorno garantendo nel mercato sempre più prodotti ecologici e naturali L’uso sem...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *