Condividi e Rimani Aggiornato

RSS Feed

Quando serve l’antibagno e come arredarlo

Un antibagno di piccole dimensioni arredato con lavandino per avere le funzioni simili ad un secondo bagno

Un antibagno di piccole dimensioni arredato con lavandino per avere le funzioni simili ad un secondo bagno. Sono stati introdotti due lavandini angolari che permettono di utilizzare l'antibagno anche quando il bagno è occupato.

L’antibagno (può anche scriversi anti bagno) è il locale antistante al vano destinato a svolgere la funzione di servizio igienico, per molti è un perfetto sconosciuto, poiché non è un elemento tradizionale delle nostre abitazioni, ma oggi la sua presenza è obbligatoria sia nelle nuove costruzioni sia nelle ristrutturazioni quando la porta del bagno, in sua assenza, si aprirebbe direttamente su un locale della zona giorno. E’ invece normalmente consentito prevedere un bagno, ad esempio in camera, senza dover per forza realizzare l’antibagno, solo se quello non è il bagno principale della casa e non da su una zona giorno. La presenza dell’antibagno è normalmente prevista dalle linee-guida dei regolamenti comunali e dalle norme che riguardano gli aspetti igienico-edilizi dei fabbricati. Nonostante l’antibagno in fondo sia un locale abbastanza secondario della casa, è sorprendente quante richieste di delucidazioni arrivano in merito alla nostra redazione, vediamo dunque di aiutarvi a chiarire alcune delle domande più ricorrenti sull’antibagno:

  1. In un alloggio il bagno deve sempre essere preceduto da un antibagno per dividere il bagno propriamente detto dalla una camera da letto?
  2. L’antibagno è obbligatorio prevederlo sia in appartamenti di nuova costruzione sia in caso di ristrutturazione dell’alloggio?
  3. E’ vero che è obbligatorio realizzare un antibagno prima del bagno se la porta d’ingresso di quel vano dà sulla cucina?
  4. Solo antibagno o anche piccola lavanderia?
  5. Quali sono le dimensioni di un antibagno?
  6. Posso realizzare un antibagno cieco?

1 – Bagno e antibagno in camera da letto

Quando il bagno è dedicato ad uso esclusivo di una camera da letto, purchè non sia il bagno principale, ( e avendo l’acesso dalla camera difficilmente potrebbe esserlo) può non essere dotato di antibagno.

2 – Quando è obbligatorio realizzare l’antibagno

Altro esempio di come si può ricavare un antibagno, in questo caso l'antibagno è stato ricavato all'interno di un preesitente bagno abbastanza grande, mediante una nuova parete divisoria in cartongesso che contiene una porta scorrevole.

Altro esempio di come si può ricavare un antibagno, in questo caso l'antibagno è stato ricavato all'interno di un preesitente bagno abbastanza grande, mediante una nuova parete divisoria in cartongesso che volendo potrebbe contenere anche una porta scorrevole, per sfruttare lo spazio con un mobiletto, spazio ora dietro la porta aperta.

Nelle nuove costruzioni il bagno principale se da direttamente su una zona giorno deve avere l’antibagno. Se si prevede di fare una ristrutturazione dell’appartamente con modifiche alle pareti interne che riguardano la zona giorno e/o il bagno può essere richiesto dai regolamenti edilizi e di igene che sia necessario creare l’antibagno ove prima era presente il solo bagno, questo in particolar modo se magari eliminando un corridoio per creare un open space il bagno diventa direttamente comunicante con la zona giorno.

3 – Cucina e antibagno

L’antibagno è obbligatorio se non vi sono almeno due porte tra il bagno e le stanze della zona giorno come soggiorno, cucina… Le due porte dunque possono essere anche quella del bagno e quella del corridoio.

Bagno di una mansarda che da sul soggiorno ed è dunque presente l'antibagno

Bagno di una mansarda che da sul soggiorno in cui è dunque presente l'antibagno

4  – Antibagno e locale lavanderia assieme

Se è possibile ricavare un antibagno leggermente più grande si può pensare di allestire nell’antibagno una piccola lavanderia anziché creare una zona esclusivamente dedicata al lavaggio e all’asciugatura del bucato. Visti gli spazi ridotti delle abitazioni non è infatti sempre possibile avere un locale lavanderia a se stante. Vendiamo allora alcune idee utili rivolti a chi sceglie, per necessità o per comodità, di attrezzare il bagno a tale scopo, ottimizzando gli spazi a disposizione e scegliendo gli arredi e gli elettrodomestici giusti. Attrezzare l’antibagno come piccola lavanderia è abbastanza agevole poiché, essendo attiguo al bagno, sarà più facile e meno costoso per l’idraulico allacciare i tubi degli elettrodomestici e del nuovo lavandino. Se hai già una lavatrice con carica frontale, è possibile non lasciarla “a vista” sia per questioni estetiche sia se si desidera proteggerla dagli urti, per questo, esistono svariati pratici mobili contenitori copri lavatrice che in alcuni casi includono già anche un lavabo e gocciolatoio. Sempre nell’antibagno, Sopra la lavatrice si può ricavare lo spazio per un piccolo stendi biancherie che anche esso può essere racchiuso con il mobile della lavatrice. Inserire una lavatrice nella stanza da bagno o nell’antibagno non significa necessariamente dover rinunciare per forza all’estetica con opportuni accorgimenti d’arredo si può fare tutto in armonia con il resto del bagno.

5 – Dimensioni minime di un antibagno e sue finiture

La superficie del servizio igienico e quella dell’anti-bagno sono normate dai regolamenti comunali ma in genere devono non essere inferiori a mq. 1.20, con il lato minore di almeno m. 1.00:

  • l’altezza utile interna non può essere inferiore a m 2.40, fatte salve le deroghe previste dalla L.R. 44/1985 e successive modifiche o dai P.R.P.C.;
  • i locali wc devono essere separati tra loro e dall’antibagno, da pareti a tutta altezza;
  • il pavimento deve essere realizzato in materiale impermeabile, antiscivolo, facilmente lavabile e disinfettabile;
  • le pareti devono essere rivestite in materiale impermeabile, facilmente lavabile e disinfettabile fino all’ altezza di m. 2.00;
  • il servizio igienico deve essere dotato di tazza o wc alla turca a filo di pavimento, con annesso portarotolo di carta igienica di tipo protettivo;
  • per l’antibagno non è in genere prevista alcuna dotazione minima.

Tutt’altro discorso si deve fare se si parla di locali aperti al pubblico quali bar, ristoranti, uffici ecc. Se il bagno in questione è l’unico bagno dell’ufficio o del locale aperto al pubblico si deve garantire l’utilizzo anche a persone diversamente abili. L’area di manovra per la carrozzella può essere prevista nel bagno stesso e nell’antibagno è sufficiente garantire le dimensioni corrette per il passaggio (larghezza minima 90 cm) comunque dipende anche da come si apre la porta del bagno,e che tipo di manovra si deve fare per entrare nel bagno in questi casi è bene far riferimento alla legge sull’abbattimento delle barriere architettoniche ovvero il Decreto Ministeriale DM 236/89, lì si possono trovare anche gli schemi grafici che illustrano le varie possibilità di manovra in base alla forma e dimensione dell’antibagno.

6 – Requisiti di illuminazione e ventilazione

Nel servizio igienico e nell’antibagno, ove possibile, va assicurata l’illuminazione e la ventilazione naturale, dotando ogni locale di finestra apribile di superficie non inferiore ad 1/8 della superficie in pianta, salvo quanto diversamente previsto dai regolamenti edilizi locali. La finestra deve essere completamente apribile, se del caso con idonei dispositivi di apertura (manuali o automatici), facilmente accessibili e manovrabili. In mancanza di illuminazione e ventilazione naturale, i locali devono essere provvisti di illuminazione e ventilazione artificiale secondo le norme UNI 10380/94 e UNI 10339/95; l’aspirazione deve essere avviata contestualmente all’accensione della luce (per ambienti ciechi) o all’apertura della porta di accesso (per ambienti che usufruiscono di un’illuminazione naturale di tipo indiretto) e temporizzata con durata tale da garantire un ricambio completo ad ogni utilizzo.

Per arredare l’antibagno

Mobilitti a serranda utili per ottimizzare lo spazio dell'antibagno

Mobiletti a serranda utili per ottimizzare lo spazio dell'antibagno

Alla ricerca di soluzioni flessibili di contenimento degli ingombri utili per trasformare antibagno in un comodo ripostiglio sono i mobili a serranda (o armadio a serrandina) se ne trovano di coloratissimi a sviluppo verticale, concepiti per un utilizzo free-standing (libera disposizione nello spazio) questi mobili sono perfetti per tutte le tipiche situazioni in cui si vuole arredare un locale disimpegno come antibagno, il ripostiglio, la dispensa o il sottoscala.

Alla ricerca di soluzioni flessibili di contenimento degli ingombri utili per trasformare antibagno in un comodo ripostiglio sono i mobili a serranda (o armadio a serrandina) se ne trovano di coloratissimi a sviluppo verticale, concepiti per un utilizzo free-standing (libera disposizione nello spazio) questi mobili sono perfetti per tutte le tipiche situazioni in cui si vuole arredare un locale disimpegno come antibagno, il ripostiglio, la dispensa o il sottoscala.

Be Sociable, Share!



  




Altri articoli che potrebbero incuriosirti:

Sottoscala: come ottimizzare gli spazi di casa
Molte case e appartamenti hanno un sottoscala non utilizzato che, se ben organizzato,  può diventare qualche cosa di più di un semplice sgab...
Case strane, curiose e divertenti
Ma come si arrederanno queste case? Case per chi ha uno spirito libero: realizzate nel British Columbia in Canada sono costituite da...
Decorazioni per il bagno: le nuove placche di comando per sanitari
Placche di comando per lo scarico acqua nel WC ecco gli sciacquoni di design Per coloro che si trovano sempre alla ricerca di dettagli originali, di ...
Arredare piccoli spazi
L'arredo di piccoli spazi abitativi L'arredo di uno spazio piccolo diventa sempre più un'attualità. In città, ma non solo, ormai anche nelle zone ...
Inquinamento indoor: pavimenti e rivestimenti in nuovi materiali per combatterlo
La qualità dell'aria nelle nostre case Il  trend dell’ecologia, dell’attenzione all’ambiente e del risparmio energetico oggi sta attraversando pratic...
Divani letto per dormire comodi anche in poco spazio!
Il divano letto: un valido arredo salvaspazio Anche dove gli spazi, perché  ridotti, non  consentono di mettere a disposizione  una camera  in più...
Una cucina colorata con gli accessori di design
Il colore rallegra gli ambienti e permette di arredare gli spazi in modo simpatico ed originale. Anche in cucina, dove siamo abituati abituata a ve...
Idee per il bagno moderno
Le ultime tendenze per quanto riguarda l'arredamento del bagno moderno vogliono sanitari e complementi d'arredo belli e di design ma che non dimentich...


2 Commenti di Quando serve l’antibagno e come arredarlo

  1. Marta

    23/03/2011 at 10:44

    Aiuto! mi serve urgentemente un mobiletto a serranda come quelli che avete mostrato per arredare l’antibagno. Dove posso trovarlo? Grazie mille. Saluti

  2. Renzo Scarpa

    29/07/2013 at 18:21

    Nel locale antibagno può esserci il piatto doccia separato dal bagno?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>